Emilio Albertini designato futuro presidente di Assografici

Designato con la giunta del 25 febbraio scorso come futuro presidente di Assografici, Emilio Albertini, ha presentato programma e squadra di presidenza. Albertini, spiega una nota, sarà ufficialmente eletto il prossimo 26 giugno durante l’assemblea annuale dei soci.

Classe 63 Albertini è alla guida dell’azienda di famiglia, Albertini Packaging Group, e dal 2015 è presidente di Gifasp, il gruppo di specializzazione Assografici che riunisce i fabbricanti di astucci e scatole pieghevoli. E’ anche componente del board di Comieco.

Emilio Albertini

La sua squadra di presidenza per il biennio 2019/2021 è composta da:
Paolo Bandecchi – Presidente e AD di Rotolito SpA, con delega al settore Grafico;
Carlo Emanuele Bona – Vice Presidente Vincenzo Bona SpA, con delega all’Innovazione, ai rapporti federativi e al Gruppo Giovani Imprenditori;
Fulvia Lo Duca (Presidente Unione) – Responsabile Sales e Managing Director di Abar SpA, con presidio dei rapporti con l’Unione di Milano, oltre a far parte del Consiglio Generale di Federazione;
Marco Spada – Socio e Responsabile Rapporti commerciali della Spadamedia Srl, con delega ai temi sindacali e agli organi bilaterali;
Stefano Crechici – Presidente della Modiano Industrie Carte da Gioco ed Affini SpA, con delega al Territorio e allo sviluppo associativo;
Carlo Montedoro – Direttore tecnico e Socio della TMB Stampa Srl, con delega al Territorio e allo sviluppo associativo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste