Amazon sfida Spotify: in arrivo un servizio di musica in streaming gratis

Amazon si butta ancora di più nella musica, e sfida in maniera diretta anche Spotify. Secondo indiscrezioni di Billboard, il colosso dell’eCommerce sarebbe in procinto di lanciare un nuovo servizio di musica in streaming gratuito, supportato dalla pubblicità che si affiancherebbe ai già esistenti Prime Music (gratis per i clienti Prime) e Prime Music Unlimited (prevede il pagamento di una quota mensile).

Jeff Bezos (LaPresse – Photo by Jim WATSON / AFP)

Secondo Billboard, per la piattaforma gratuita di canzoni Amazon avrebbe avviato discussioni ‘al ribasso’ con le case discografiche ipotizzando una loro presenza indipendentemente dalla quantità di pubblicità venduta. Il lancio del servizio di musica ‘free’ dovrebbe avvenire a giorni, con un catalogo di canzoni più limitato e una diffusione attraverso gli altoparlanti intelligenti di Amazon.

La sfida a Spotify sottolinea il crescente interesse nel mercato musicale, fonte di guadagni anche per Apple (che intanto sta pensando anche a uno scorporo di iTunes) e Google. Attualmente Spotify ed Apple Music si spartiscono buona parte del mercato della musica in streaming, con una quota del 46% e del 18%. Il primo servizio conta su 116 milioni di utenti gratuiti e 96 milioni paganti ma negli Usa gli ultimi dati la vedano in affanno rispetto ad Apple Music che in totale ha 56 milioni di abbonati (il servizio è solo a pagamento). YouTube conta globalmente 1,5 miliardi di utenti e ha lanciato i servizi Music e Premium, rispettivamente gratis e a pagamento.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste