“Apocalisse”, “Fine corsa”, “Giusto così”. Le prime pagine della stampa sportiva sulla Juve fuori dalla Champions

“Apocalisse”, “Fine corsa”, “Giusto così”. Le prime pagine della stampa sportiva sull’eliminazione della Juventus dalla Champions League, avvenuta ieri sera ai quarti di finale della più ambita competizione europea per club per mano dei giovani dell’Ajax. Corriere dello Sport e Gazzetta dello Sport scelgono di aprire con la delusione di Cristiano Ronaldo: il gol della pluriviuttoriosa stella bianconera stavolta non è bastato. Tuttosport opta per il capitano dei lancieri, autore del gol vittoria, Matthijs de Ligt, classe 1999 e destinato a infiammare i sogni del calciomercato estivo.

“Anche mr Champions si arrende”, titola Skysport.it e Raisport.it sceglie mister Allegri: “non mollo, resto alla Juve”.

Gli spagnoli As e Marca, attentissimi alle vicende dell’ex Real Madrid CR7, scelgono invece il suo rivale: online le aperture sono tutte per Leo Messi, che con il Barcellona si è qualificato ai danni del Manchester United realizzando una doppietta.

Il quotidiano olandese De Telegraaf apre la sezione sportiva celebrando il ritorno in semifinale dell’Ajax, dopo 22 anni, con una foto del figlio d’arte Daley Blind, colonna della difesa olandese in coppia con de Ligt e prodotto del vivaio biancorosso, tornato a casa dopo quattro anni a Manchester dove con i Red Devils ha vinto l’Europa League. Ad Amsterdam adesso sognano la quinta Coppa Campioni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, via libera di Salini ai vicedirettori di RaiUno – ECCO LE NOMINE

Rai, via libera di Salini ai vicedirettori di RaiUno – ECCO LE NOMINE

Rai, ecco i project leader previsti dal piano Salini di trasformazione in media company digitale  – I NOMI

Rai, ecco i project leader previsti dal piano Salini di trasformazione in media company digitale – I NOMI

Cardani (Agcom): responsabilità politica su fake news. Servono riflessione competente e confronto continuo

Cardani (Agcom): responsabilità politica su fake news. Servono riflessione competente e confronto continuo