Mondadori, Mauri: vendita in Francia entro l’estate. Nel primo trimestre nessuna sorpresa negativa

“L’operazione di vendita di Mondadori France sarà chiusa prima dell’estate, direi tra fine giugno e metà luglio”.  A dirlo l’amministratore delegato di Mondadori, Ernesto Mauri a margine dell’assemblea dell’editrice di Segrate, che ha approvato il bilancio 2018

“Prima preferirei concludere quell’operazione e poi fare il resto”, ha aggiunto. “Nel 2019 si apre la nuova fase di sviluppo di Mondadori: abbiamo individuato sia i business nuovi sia i possibili target” per le acquisizioni, quasi certamente all’estero, ha detto poi il manager, ribadendo quanto già affermato da Marina Berlusconi sugli obiettivi del gruppo per il futuro. Guardando all’estero “è chiaro che il mercato più importante è quello inglese, ovviamente anche per la lingua” che permette di raggiungerne molti altri.

Ernesto Mauri

Ernesto Mauri

Parlando della situazione del Giornale, il manager ha detto: “Siamo azionisti di minoranza, però siamo al lavoro per trovare soluzioni permanenti che abbiano come obiettivo la salvaguardia del quotidiano, una storica testata cui la famiglia Berlusconi tiene molto: non è però un lavoro semplice”.

Nel primo trimestre per Mondadori “non ci sono sorprese negative” e “i tempi sono perfetti”, ha aggiunto in conclusione.

Mondadori, l’assemblea degli azionisti approva il bilancio

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, Di Maio: abbiamo trovato una soluzione per ridurre il canone senza danneggiare la qualità del servizio pubblico

Rai, Di Maio: abbiamo trovato una soluzione per ridurre il canone senza danneggiare la qualità del servizio pubblico

A maggio online il 70% degli italiani. Audiweb: ogni giorno connessi quasi 34 milioni di persone, il 66% da smartphone

A maggio online il 70% degli italiani. Audiweb: ogni giorno connessi quasi 34 milioni di persone, il 66% da smartphone

Tv e social aumentano il rischio depressione tra i teenager. Lo studio: i problemi nascono dal confronto

Tv e social aumentano il rischio depressione tra i teenager. Lo studio: i problemi nascono dal confronto