Citynews sperimenta la voce sintetica per la conversione dei contenuti in larga scala

Come trasformare in audio un flusso di più di 40.000 notizie al mese, ovvero quasi 1.500 al giorno? E’ la domanda che si è posta il gruppo editoriale Citynews.

Fernando Diana, Walter Bonanno, Luca Lani

“Farlo con il classico speakeraggio con voce umana con questa mole di contenuti sarebbe stato impossibile da un punto vista di efficienza, ma soprattutto poco coerente con il nostro impegno di coniugare la tradizionalità del giornalismo con l’animo innovatore che contraddistingue da sempre la nostra Azienda” – dichiara Walter Bonanno, Direttore Generale del Gruppo.

“La voce sintetica ha fatto passi da gigante – aggiunge Fernando Diana, CEO Citynews – ed oggi è disponibile un vero e proprio linguaggio SSML (Speech Synthesis Markup Language) che permette di dare dettagli alla voce sintetica per ogni singola parola di un testo, istruendo il software su applicazione di enfasi, pausa, accento, espansione di acronomi, disambiguazione dell’omografo.”

“Il team R&S di Citynews – annuncia Luca Lani, CEO del Gruppo – ha sviluppato una piattaforma proprietaria editoriale che utilizza gli avanzati algoritmi di rete neurale di deep learning e artificial intelligence per sintetizzare il testo in una varietà di voci. La piattaforma si interfaccia con tutte le più recenti piattaforme di TTS (Text-to-Speech) in particolare Google WaveNet, Polly di Amazon, Watson di IBM.”

“Il goal – continua Luca Lani – è quello di integrare le più moderne tecnologie con un intervento della struttura giornalistica: infatti il test di prodotto sta evidenziando che, per quanto la voce sintetica sia ormai quasi indistinguibile, per generare un servizio audio di livello è necessario un lavoro di preparazione di testi specifico che sarà in carico alla struttura giornalistica di Citynews”

“I servizi che si possono creare sono numerosissimi: da Audio TG aggiornati sempre a pochi minuti prima, Audio TG composti su misura in base agli interessi degli utenti, fino a podcast con news iperlocali sul proprio quartiere. La fruizione avverrà tramite app e mobile sito proprietaria, ma anche con parziale distribuzione presso tutte le piattaforme di assistant vocale” – dichiara Fernando Diana.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Blogmeter diventa partner del nuovo Osservatorio Nazionale Influencer Marketing

Blogmeter diventa partner del nuovo Osservatorio Nazionale Influencer Marketing

Italiaonline prosegue il sostegno alla formazione digitale nelle scuole

Italiaonline prosegue il sostegno alla formazione digitale nelle scuole

Connexia acquisisce Ragoo

Connexia acquisisce Ragoo