Tim: Tar, Consob non ha sbagliato su controllo Vivendi

Condividi

Il Tar dà ragione a Consob e respinge i ricorsi di Vivendi e Tim: nessuna illegittimità nella comunicazione con la quale il 13 settembre 2017 la Commissione ha qualificato il rapporto partecipativo di Vivendi in Telecom come “di controllo” dopo l’assemblea del 4 maggio 2017 nella quale Vivendi aveva nominato la maggioranza dei consiglieri di amministrazione di Tim.

“La tesi secondo cui la Consob non avrebbe avuto titolo ad accertare l’eventuale esistenza di un controllo di fatto civilistico nei rapporti societari in questione non può essere condivisa – si legge nella sentenza del Tar – Deve quindi essere affermato sul punto che, quando l’ordinamento attribuisce alla Consob un determinato potere di verifica sul corretto adempimento degli obblighi di trasparenza a tutela del mercato, le attribuisce un corrispondente dovere di accertamento nell’ambito della funzione di vigilanza sul mercato mobiliare a cui è preposta” (Ansa).