La nuova Ira ammette omicidio della giornalista Lyra McKee

Condividi

Il gruppo terrorista paramilitare New Ira ha ammesso la responsabilità dell’uccisione della giornalista Lyra McKee, avvenuta giovedì notte a Derry, in Irlanda del Nord, offrendo “scuse sincere al partner, alla famiglia e agli amici” per la morte della giovane reporter. A riportarlo il quotidiano The Irish News, che pubblica una dichiarazione dell’organizzazione. Nella nota la New Ira spiega che McKee è stata “uccisa tragicamente” nel corso di un attacco al nemico (la polizia, ndr), in quanto si trovava “accanto alle forze nemiche”.

La notizia sul sito del quotidiano