Bebe Vio nella futuristica Nuvola di Fuksas per l’energia “full digital” di Sorgenia. Spot e backstage (VIDEO)

Condividi

Sorgenia e Beatrice “Bebe” Vio insieme per il terzo anno di fila. La nuova campagna di comunicazione che ha per protagonista la fuoriclasse della scherma paralimpica italiana è stata presentata questa mattina a Milano presso il quartier generale dell’azienda di servizi energetici e soluzioni digitali per la fornitura del mercato residenziale, dal presidente Chicco Testa, dall’ad Gianfilippo Mancini e della giovane atleta, oro nel fioretto alle Paralimpiadi di Rio 2016 e testimonial Sorgenia dal 2017.

Chicco Testa, Bebe Vio, Gianfilippo Mancini

“Vent’anni non sono pochi ma ci sentiamo un’azienda millennial”, ha esordito Mancini parlando dell’ambizione che Sorgenia ha di “attraversare da innovatrice questo periodo di forte rivoluzione”. Tre le dimensioni del nuovo paradigma delle rinnovabili, secondo Mancini: il fatto che produrre energia rinnovabile non richieda più sussidi, il digitale come dimensione che abilita l’adozione di fonti rinnovabili a casa tramite sensori e app, la rinnovata consapevolezza dei cittadini verso la sostenibilità. Il tutto perseguito, come nelle intenzioni della società, “senza disturbare i clienti a casa loro”.

Sorgenia è dovuta ripartire da una “situazione difficile”, ha ricordato Testa, e in questo Bebe Vio “ci ha dato una spinta che non sottovalutiamo affatto”. “Vi abbiamo studiato molto prima di scegliervi”, gli ha fatto eco la campionessa che dal canto suo ha assicurato di “trovarsi bene” con Sorgenia e di condividere “gli stessi principi”. Lo dimostra, oltre al rinnovo dell’accordo fino al 2020, anche la campagna contro la violenza sulle donne #sempre25novembre cui la schermitrice veneta ha prestato il volto.

La nuova campagna, firmata dall’agenzia Red Robiglio&Dematteis e per cui Sorgenia ha stanziato oltre 1,3 milioni, è stata girata nella Nuvola di Fuksas a Roma, città dove Bebe risiede per frequentare l’università. L’obiettivo è promuovere il brand e pertanto la campagna è destinata principalmente alla televisione, con i classici formati del piccolo schermo (7, 15 e 30 secondi), mentre sul web e i social trova maggiore spazio l’adv commerciale. “Mandiamo i turisti nello spazio”, recita Bebe Vio (che secondo Mancini negli anni è notevolmente migliorata davanti alla macchina da presa), ma “paghiamo bollette spaziali”, ironizza. Sorgenia, nello spot, viene presentata come provider di “energia full digital che puoi condividere”. Per l’occasione, la Nuvola, per la prima volta set di una pubblicità, è stata resa ancor più futuristica nel montaggio con giardini verticali e navicelle spaziali. Goldrake la colonna sonora in sottofondo.

Il rapporto tra Bebe Vio e Sorgenia non si ferma alla pubblicità, ma si estende anche alla sponsorizzazione da parte dell’azienda dei Giochi senza barriere, promossi da Art4Sport, l’associazione presieduta dalla mamma di Bebe, Teresa Angela Grandis, che aiuta giovani amputati a creare le condizioni per tornare a praticare sport. Sono 29 i ragazzi da 6 a 28 anni, non necessariamente agonisti, che grazie ad Art4Sport possono fare affidamento su di una rete di supporto di tenici e specialisti, anche per la realizzazione e il finanziamento delle costosissime protesi e attrezzature necessarie alla pratica dello sport paralimpico. L’appuntamento con i Giochi senza barriere, ha ricordato la schermitrice prima di illustrare i prossimi impegni agonistici, è per il 12 giugno a Roma presso lo stadio dei Marmi.