Rai, Salini chiede spiegazioni sul servizio del Tgr a Predappio. Casarini si dissocia – VIDEO

“La Direzione della Tgr si dissocia dal servizio relativo alla commemorazione di Benito Mussolini a Predappio e ne prende le distanze”. E’ quanto dichiara il direttore della Tgr Alessandro Casarin.“Linea editoriale – continua – che, come ho illustrato alle 24 redazioni della Tgr, si basa sul principio di una
informazione equilibrata, a garanzia di un contradditorio in tutti i servizi, dalla politica alla cronaca. Equilibrio che deve rispettare la storia della democrazia italiana. D’intesa con l’Azienda saranno
effettuate le valutazioni del caso”.

Il caso del servizio è finisce sul tavolo dell’ad Fabrizio Salini che, a quanto riporta Adnkronos, ha manifestato  forte irritazione. Salini avrebbe visto il servizio e chiesto una relazione dettagliata al direttore Casarin.

Sulla questione si è espresso anche il CdR TGR Rai Emilia-Romagna che, scrive in una nota, “si dissocia dai contenuti dai servizi sulle celebrazioni di Predappio. La Rai Servizio Pubblico trova il suo fondamento nel Contratto di Servizio, che è strettamente ancorato alla Costituzione italiana, antifascista e antirazzista. Pertanto non è ammissibile qualunque servizio che esca da questa cornice o – peggio – una assurda presunta par condicio tra neofascismo e antifascismo. Il CdR precisa che la messa in onda dei servizi è stata decisa dal caporedattore”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lagarde ai giornalisti: avrò il mio stile di comunicazione;  non abbiate retropensieri e pregiudizi

Lagarde ai giornalisti: avrò il mio stile di comunicazione; non abbiate retropensieri e pregiudizi

Classifiche e trend dei quotidiani più diffusi (Ads). A ottobre calo generalizzato

Classifiche e trend dei quotidiani più diffusi (Ads). A ottobre calo generalizzato

Inpgi, Fnsi: su norme per la salvaguardia del pluralismo e l’autonomia dell’Isituto il governo si rimetta all’Aula

Inpgi, Fnsi: su norme per la salvaguardia del pluralismo e l’autonomia dell’Isituto il governo si rimetta all’Aula