Hearst tira la cinghia per il calo della pubblicità. Chiesto lo stato di crisi

Lunedì 29 aprile Giacomo Moletto, amministratore delegato di Hearst Magazines Italia, ha convocato i responsabili del Comitato di redazione per comunicare che “a causa della crisi del mercato della pubblicità della stampa” l’azienda aveva deciso di chiedere lo stato di crisi che prevede un 30% di riduzione delle retribuzioni, 26 esuberi a Hearst Magazines Italia e una decina a HMC Italia, che pubblica Marie Claire e Marie Claire Maison e i vari allegati.

Giacomo Moletto (foto Olycom)

Lo scenario del mercato della pubblicità peggiora a vista d’occhio se è pessimo per gli editori di carta stampata è bruttino anche per la televisione. Se nei primi due mesi dell’anno, secondo i dati Nielsen di gennaio e febbraio 2019‎, la raccolta aveva già mostrato un calo del 6% per i periodici sullo stesso periodo del 2018, le notizie che stanno filtrano sui dati di marzo e aprile sono molto più preoccupanti.

E la decisione di Moletto fa capire che non prevede novità positive dal mercato, che sente la crisi dei consumi legata alle turbolenze politiche in vista delle elezioni europee e a un clima sociale di sfiducia.
Tra i vari modi applicati da Moletto per avere effetti riduttivi sui costi di Heart Magazines Italia c’è anche quello di spalmare le retribuzioni di figure manageriali, attive su più piazze del gruppo per meriti professionali, come nel caso di Marcello Sorrentino, Chief Financial Officer e General Manager Operations in Italia, nominato anche Managing Director Finance & Operations Southern Europe, cioe’ la divisione continentale di Hearst comprende Italia e Spagna.

Una scelta fondamentale per una maggiore integrazione gestionale tra le aree europee a cui sovrintende Moletto, operazione già fatta con Massimo Russo, dall’inizio dell’anno Chief Digital Officer Western Europe, cioè responsabile delle divisioni digital Italia, Spagna e Olanda e impegnato nel coordinamento di un gruppo di lavoro composto da 180 persone. Ma anche una suddivisione equa dei compensi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Vespa contro Fnsi: “Io criminalizzato, ma legale Panigalli mi ha ringraziato”

Vespa contro Fnsi: “Io criminalizzato, ma legale Panigalli mi ha ringraziato”

NUOVA CLASSIFICA: Top 15 influencer, i più seguiti in Italia e i post più condivisi. Ferragni, Rossi, Valli…

NUOVA CLASSIFICA: Top 15 influencer, i più seguiti in Italia e i post più condivisi. Ferragni, Rossi, Valli…

Domani debutta Dazn1, pronti al boom per il derby Milan-Inter di sabato

Domani debutta Dazn1, pronti al boom per il derby Milan-Inter di sabato