Facebook vira su chat e messaggi. La svolta di Zuckerberg: “Il futuro è privato”. Allo studio anche un Bitcoin

Condividi

“Il futuro è privato”. Con questo leitmotiv il ceo di Facebook, Mark Zuckerberg ha aperto la conferenza annuale degli sviluppatori a San José in California che è durata due giorni. Il fondatore del social network ha posto l’accento sulla necessità di costruire ora una piattaforma ‘social’ più incentrata sulla privacy: “nei prossimi cinque anni, forse anche nei prossimi 10 anni – ha detto -, costruiremo piattaforme private con la ricchezza che le piattaforme pubbliche hanno avuto fino ad oggi”.

Mark Zuckerberg (Foto Ansa – EPA/JOHN G. MABANGLO)

Dunque maggiore attenzione ai gruppi e ai messaggi privati, perciò a Instagram, WhatsApp e Messenger, che complessivamente vengono utilizzate da oltre 2,7 miliardi di persone nel mondo. Inoltre Zuckerberg ha annunciato un ‘restyling’ del social media fondato nel 2004. L’iconica barra blu sarà infatti sostituita da una cornice bianca lucida. Il blu resta solo nella ‘F’ di Facebook.

Inoltre, secondo il New York Times, Facebook starebbe anche pensando ad un proprio Bitcoin per i pagamenti.