5 maggio Fazio batte Iene e New Amsterdam. Bene Giletti, crolla Petrelluzzi

Motori e politica in evidenza, in una domenica sportiva un po’ meno caratterizzata dal football.

Tornava il Motomondiale e nel pomeriggio alle 17.00 la differita del ‘Gp di Jerez de la Frontera’, vinto da Marc Marquez, ha fatto crescere Tv8 fino a oltre 1,5 milioni di spettatori e il 10% di share.

Con la Serie A meno carica di pathos dopo l’assegnazione anticipata dello scudetto alla Juventus, domenica 5 maggio la partita in onda alla sera su Sky, ‘Napoli-Cagliari’, ha conquistato solo 925mila spettatori con il 3,7% della platea, non destabilizzando affatto le proposte generaliste di prime time.

Su Rai1 ‘Che tempo che fa’ – con in apertura una messaggio ‘distensivo’ di Fabio Fazio alla Lega e a Matteo Salvini – e poi in menù Giorgio Cottarelli, Roberto Saviano, Aboubakar Soumahoro, Don Mattia Ferrari, Alessia Marcuzzi, Mara Maionchi e il marito Alberto Salerno, e quindi, dopo l’intervento comico di Luciana Littizzetto, anche Ferruccio De Bortoli e Roberto Vecchioni, ha conquistato 3,943 milioni di spettatori e 15,9%. Nella parte del ‘tavolo’ la trasmissione ha conseguito invece 2,4 milioni di spettatori ed il 13,44%.

Sul secondo gradino della graduatoria, per numero di spettatori, si è installato il telefilm ospedaliero di Canale 5 al rientro, ‘New Amsterdam’, ieri a quota 2,339 milioni con il 10,95%.

Se si considera però lo share – e si guarda l’andamento delle curve degli ascolti – appare chiaro invece come la seconda opzione di serata più scelta dal pubblico sia stata ‘Le Iene Show’, a quota 2,175 milioni di spettatori con il 13,4% di share.

Su Rai2 hanno fatto bene entrambi i telefilm crime: ‘Ncis’, a 1,8 milioni e 7,2% ed ‘FBI’ a 1,628 milioni e il 7,18%.

Malissimo è invece andata la seconda puntata della nuova edizione di ‘Un giorno in pretura’. Focalizzandosi su Ostia e le vicende del clan Spada, la trasmissione condotta da Roberta Petrelluzzi ha riscosso soltanto 817mila spettatori con il 3,7%. All’esordio, con in primo piano il caso di Marco Vannini, Petrelluzzi aveva raccolto ben 1,559 milioni di spettatori e il 7,15%, superando Massimo Giletti.

Ieri, invece, ‘Non è L’Arena’ ha fatto nettamente meglio della terza rete. Aprendo e rimanendo a lungo con Luigi Di Maio, e poi occupandosi, oltre che dell’attualità politica, di un venditore di successo, dei casi di Imane Fadil (Giletti ha intervistato anche la mitica olgettina Marysthell Polanco) e dei i genitori a cui tanti anni fa erano stati sottratti i figli con accuse tremende, il talk de La7 è arrivato a oltre 1,3 milioni di spettatori ed il 6,9% di share, terminando all’una di notte circa. Peggio della Petrelluzzi ha fatto solo la pellicola in onda su Rete4: ‘Knock Out-Resa dei conti’, con con Channing Tatum, Michael Fassbender, Ewan McGregor ed Antonio Banderas, che ha portato a casa solo 1620mila spettatori e 2,72% di share

In seconda serata sono passate al comando ‘Le Iene’, vitali e vivaci dopo le 23.00, rimanendo sempre davanti al tavolo faziano e avendo in nottata avanzata come competitor agguerrito il solo Giletti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intercettazioni, ok della Camera alla fiducia sul DL. Voto finale giovedì sera

Intercettazioni, ok della Camera alla fiducia sul DL. Voto finale giovedì sera

La comunicazione social ai tempi del coronavirus. Ci si informa su FB e Youtube, si commenta su Twitter

La comunicazione social ai tempi del coronavirus. Ci si informa su FB e Youtube, si commenta su Twitter

“Infodemia”, il coronavirus fa impennare gli ascolti di tg e programmi di informazione

“Infodemia”, il coronavirus fa impennare gli ascolti di tg e programmi di informazione