5 maggio Fazio batte Iene e New Amsterdam. Bene Giletti, crolla Petrelluzzi

Motori e politica in evidenza, in una domenica sportiva un po’ meno caratterizzata dal football.

Tornava il Motomondiale e nel pomeriggio alle 17.00 la differita del ‘Gp di Jerez de la Frontera’, vinto da Marc Marquez, ha fatto crescere Tv8 fino a oltre 1,5 milioni di spettatori e il 10% di share.

Con la Serie A meno carica di pathos dopo l’assegnazione anticipata dello scudetto alla Juventus, domenica 5 maggio la partita in onda alla sera su Sky, ‘Napoli-Cagliari’, ha conquistato solo 925mila spettatori con il 3,7% della platea, non destabilizzando affatto le proposte generaliste di prime time.

Su Rai1 ‘Che tempo che fa’ – con in apertura una messaggio ‘distensivo’ di Fabio Fazio alla Lega e a Matteo Salvini – e poi in menù Giorgio Cottarelli, Roberto Saviano, Aboubakar Soumahoro, Don Mattia Ferrari, Alessia Marcuzzi, Mara Maionchi e il marito Alberto Salerno, e quindi, dopo l’intervento comico di Luciana Littizzetto, anche Ferruccio De Bortoli e Roberto Vecchioni, ha conquistato 3,943 milioni di spettatori e 15,9%. Nella parte del ‘tavolo’ la trasmissione ha conseguito invece 2,4 milioni di spettatori ed il 13,44%.

Sul secondo gradino della graduatoria, per numero di spettatori, si è installato il telefilm ospedaliero di Canale 5 al rientro, ‘New Amsterdam’, ieri a quota 2,339 milioni con il 10,95%.

Se si considera però lo share – e si guarda l’andamento delle curve degli ascolti – appare chiaro invece come la seconda opzione di serata più scelta dal pubblico sia stata ‘Le Iene Show’, a quota 2,175 milioni di spettatori con il 13,4% di share.

Su Rai2 hanno fatto bene entrambi i telefilm crime: ‘Ncis’, a 1,8 milioni e 7,2% ed ‘FBI’ a 1,628 milioni e il 7,18%.

Malissimo è invece andata la seconda puntata della nuova edizione di ‘Un giorno in pretura’. Focalizzandosi su Ostia e le vicende del clan Spada, la trasmissione condotta da Roberta Petrelluzzi ha riscosso soltanto 817mila spettatori con il 3,7%. All’esordio, con in primo piano il caso di Marco Vannini, Petrelluzzi aveva raccolto ben 1,559 milioni di spettatori e il 7,15%, superando Massimo Giletti.

Ieri, invece, ‘Non è L’Arena’ ha fatto nettamente meglio della terza rete. Aprendo e rimanendo a lungo con Luigi Di Maio, e poi occupandosi, oltre che dell’attualità politica, di un venditore di successo, dei casi di Imane Fadil (Giletti ha intervistato anche la mitica olgettina Marysthell Polanco) e dei i genitori a cui tanti anni fa erano stati sottratti i figli con accuse tremende, il talk de La7 è arrivato a oltre 1,3 milioni di spettatori ed il 6,9% di share, terminando all’una di notte circa. Peggio della Petrelluzzi ha fatto solo la pellicola in onda su Rete4: ‘Knock Out-Resa dei conti’, con con Channing Tatum, Michael Fassbender, Ewan McGregor ed Antonio Banderas, che ha portato a casa solo 1620mila spettatori e 2,72% di share

In seconda serata sono passate al comando ‘Le Iene’, vitali e vivaci dopo le 23.00, rimanendo sempre davanti al tavolo faziano e avendo in nottata avanzata come competitor agguerrito il solo Giletti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Di Nicola (M5S): fondamentale una legge di riforma della Rai

Di Nicola (M5S): fondamentale una legge di riforma della Rai

Mise: chi si insedierà negli uffici di Largo Brazzà? Apertissima la partita per la delega alle tlc

Mise: chi si insedierà negli uffici di Largo Brazzà? Apertissima la partita per la delega alle tlc

Giletti: in Rai se devi spostare un tavolino,  devi mandare cinque mail; La7 ha una struttura agile

Giletti: in Rai se devi spostare un tavolino, devi mandare cinque mail; La7 ha una struttura agile