“L’informazione è un diritto non un prodotto di mercato”. Appello per Radio Radicale di 180 costituzionalisti e professori

“Radio Radicale svolge un ruolo pubblico, straordinario, insostituibile. È un esempio di informazione al servizio della conoscenza pubblica. Spegnere Radio Radicale significa impoverire la società e la cultura italiana, significa ferire la sua democrazia”. Lo sostengono più di 180 tra costituzionalisti, filosofi, sociologi, storici del diritto e docenti italiani, tra cui Enzo Cheli, Gaetano Silvestri, Luigi Gerrajoli, in un appello rivolto al Governo in sostegno della Radio.

La sede di Radio Radicale a Roma (Foto ANSA / ETTORE FERRARI)

“Lungo gli ultimi quarant’anni – scrivono nell’appello – Radio Radicale ci ha assicurato un’informazione puntuale, approfondita, pluralista. Chiunque abbia a cuore la democrazia, lo stato di diritto, le libertà fondamentali ha anche a cuore Radio Radicale e il suo straordinario archivio”.

“L’informazione – proseguono i firmatari – è un diritto che non può essere degradato a mero prodotto di mercato. I valori costituzionali non possono e non devono mai essere tradotti in denaro. È dovere pubblico, e dunque anche nostro dovere, sostenere un’informazione al servizio dei cittadini e della loro libera formazione di pensiero”.

“Radio Radicale – concludono – è presente nelle aule parlamentari, nelle aule dei tribunali, nelle carceri. Grazie a Radio Radicale siamo tutti più informati sullo stato della democrazia e dei diritti umani in Italia, in Europa e nel mondo. La comunità degli studiosi del diritto ha sempre avuto i microfoni di Radio Radicale a disposizione per portare la cultura giuridica al di fuori dell’accademia”.

Anche il Foglio ha pubblicato un appello di docenti di diritto penale a sostegno di Radio Radicale e ieri la solidarietà dell’Ordine dei giornalisti.

Qui lo speciale di Primaonline con fatti, news e commenti sulla battaglia di Radio Radicale contro il taglio ai finanziamenti pubblici.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva