I cinque spot più popolari su YouTube ad aprile

Le forze della natura sono al centro dello spot più popolare del mese di aprile, filmato dalla Apple e dedicato all’iPhone XS. Alle sue spalle ‘Le Storie dello Spogliatoio’ di Ringo, nuova puntata della web serie che racconta amori, scherzi e piccoli problemi dei giovani protagonisti, risolti grazie alla forza del gruppo.
Completano il podio Le Linguine Voiello con pesce bandiera e finocchietto, nella versione dello chef Cannavacciuolo.

Quarta piazza per Samsung che presenta il suo nuovo Galaxy 10. Chiude la top5 la clip di Fastweb con la nazionale di ginnastica ritmica italiana.

La classifica è stata determinata utilizzando alcuni dei segnali di gradimento più significativi espressi dagli utenti su YouTube tra cui: il numero di visualizzazioni nel nostro Paese, la percentuale di visualizzazione di ciascuna pubblicità e il rapporto tra visualizzazioni organiche e visualizzazioni a pagamento.

Ecco i video:
1 – Forza della Natura – Filmata con iPhone XS – Apple, di Apple Italia; (Agenzia Media: OMD; Agenzia Creativa: TBWA\Media Arts Lab)

2 – It’s a trap – Ringo web serie ‘Le Storie dello Spogliatoio’ di Ringo; (Agenzia Media: OMD; Agenzia Creativa: Nadler Larimer & Martinelli)

3 – Linguine Voiello con pesce bandiera e finocchietto – La ricetta dello Chef Cannavacciuolo Voiello; (Agenzia Media: OMD; Agenzia Creativa: The Big Now)

4 – Samsung Galaxy S10e | S10 | S10+ di Samsung Italia; (Agenzia Media: Starcom)

5 – Fastweb presenta: Insieme, Voliamo – ft. La Nazionale di Ginnastica Ritmica di Fastweb; (Agenzia Media: Vizeum)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste