Facebook, il co-fondatore Hughes attacca Zuckerberg: ha troppo potere, il social va separato. Governo intervenga

“Il suo potere è senza precedenti, è anti americano”. A dirlo, parlando di Mark Zuckerberg il co-fondatore di Facebook Chris Hughes in un editoriale sul New York Times, sottolineando come a suo avviso le autorità dovrebbero intervenire e ‘spezzare’, separare il social.

Secondo Hughes, Zuckerberg non può risolvere i problemi del social, “il nostro governo può”.
“L’influenza di Mark è sconcertante, va al di là di chiunque altro nel settore privato o nel governo. Controlla tre piattaforme di comunicazione che miliardi di persone usano tutti i giorni. Il consiglio di amministrazione di Facebook funziona più come comitato consultivo che come organo di supervisione perchè Mark controlla il 60% dei voti” afferma Hughes.

Chris Hughes

Le sue parole arrivano mentre Facebook è nel mirino delle autorità americane, che si apprestano a comminarle una multa record fino a 5 miliardi di dollari per le violazioni della privacy dopo i ripetuti scandali degli ultimi mesi.

“Mark è una brava persona. Ma sono arrabbiato per il fatto che la sua attenzione sulla crescita lo abbia portato a sacrificare la sicurezza e la civiltà dei click. E sono preoccupato dal fatto che Mark si è circondato da una squadra che rafforza le sue idee invece di metterle in dubbio”, aggiunge Hughes.

Il governo deve ritenere “Mark responsabile. Per troppo tempo la politica è rimasta meravigliata dalla crescita di Facebook ed è passata sopra la sua responsabilità di assicurare che gli americani siano protetti” spiega Hughes. “Siamo un paese che ha la tradizione di governare i monopoli, a prescindere dalle buone intenzione delle persone che guidano le aziende” dominanti: “il potere di Mark è senza precedenti, è anti-americano” dice Hughes, precisando che l'”America è basata sull’idea che il potere non dovrebbe essere concentrato su una singola persona perché tutti siamo fallibili”.

Secondo Hugher “Adam Smith aveva ragione: la concorrenza stimola la crescita e l’innovazione”, ma separare Facebook “non è abbastanza. Abbiamo bisogno di una nuova agenzia, che abbia il potere di regolamentare le società tecnologiche. Il suo primo mandato dovrebbe essere tutelare la privacy”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Aumento dell’ascolto medio e contatti raddoppiati. L’effetto del lockdown sulle tv locali

Aumento dell’ascolto medio e contatti raddoppiati. L’effetto del lockdown sulle tv locali

L’Ue pensa a norme più severe per le big tech. Il piano Vestager: delineare confini legali, e non applicare solo leggi antitrust

L’Ue pensa a norme più severe per le big tech. Il piano Vestager: delineare confini legali, e non applicare solo leggi antitrust

Google lancia Digital Growth, programma di formazione per editori di piccole e medie dimensioni

Google lancia Digital Growth, programma di formazione per editori di piccole e medie dimensioni