Rai, Costanzo su Fazio: il suo programma fa il 15% di share, perché dovrebbe autoridursi il contratto?

Maurizio Costanzo a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, ha ripercorso coi conduttori Giorgio Lauro e Geppi Cucciari la sua straordinaria carriera artistica, partendo dagli esordi in tv passando per l’attualità con il ‘caso Fazio’ per finire coi progetti per il futuro.
Col suo primo programma ‘Bontà Loro’ lei inventò il talk show. “Ma non lo sapevo. Tanto che quando lo scrissero chiamai il critico di Paese Sera e gli chiesi cosa volesse dire ‘talk show'”. Com’era il programma? “C’erano tre ospiti: due noti e uno sconosciuto. E c’era una finta finestra che aprivo quando entravo e chiudevo quando uscivo. Una volta venne Sordi, il quale mentre chiudevo la finestra mi disse: ‘controlla se m’hanno rubato la macchina’. Anche Giovanni Agnelli era un appassionato di ‘Bontà Loro’, mi chiamava il lunedì mattina, prestissimo, per sapere gli ospiti della sera”.
Lei fu anche il primo a portare i politici in tv a parlare anche di altri argomenti. “Si, anche perché il programma andava in onda alle 23.30. A quell’ora se fai parlare di politica ad un politico anche i parenti spengono la tv”. Vespa, però, lo fa da una vita. “Glielo ho anche detto. Ma lui è un sacerdote della politica di quel tipo, e lo sa fare molto bene”.


Lei preferisce intervistare i politici o i personaggi dello spettacolo? “Più la gente comune e quelli dello spettacolo, i politici poco”. Quante persone ha intervistato nel suo ‘Costanzo Show’? “Avrò intervistato 45mila persone, una cittadina in pratica”. Una volta si diceva che quando si veniva intervistati da Costanzo si era diventati famosi. Oggi per chi vale questo ‘assioma’? “Se vai dal mio amico Fabio Fazio hai una bella occasione”. Il suo ‘tavolo’ ricorda un po’ il ‘Costanzo Show’…” Il tavolo di Fazio ricorda il programma ‘L’Acquario’, che feci dopo ‘Bontà Loro'”.

Lei è amico di Fazio, al contrario di Matteo Salvini… “Il contratto a Fazio – ha detto Costanzo a Un Giorno da Pecora – lo ha fatto un Dg della Rai, non è che è andato lì con la pistola. Fa un programma che fa il 15% di share, a questo punto perché dovrebbe autoridursi un contratto firmato dalla Rai?”.

A proposito di Salvini, che è stato suo ospite: in questi giorni tiene banco la sua idea ‘lotta’ alla cannabis. Lei si è mai fatto uno spinello? “No, feci una tirata una sola volta in tutta la mia vita. Avevo smesso di fumare, feci una tirata, e ripresi a fumare le sigarette”. Che anno era? “Non ricordo, mi pare che me la passò Paolo Villaggio”. E che effetto le fece? “Pessimo, non mi fece né ridere né altro, ripresi solo a fumare le sigarette”.
Cosa ne pensa del gossip del momento sul matrimonio, vero o presunto, di Pamela Prati? “Non me ne può fregare di meno”, ha ammesso. Quale sarà il prossimo progetto televisivo di Maurizio Costanzo? “A ottobre ricomincio il Costanzo Show. E poi ho dei progetti in Rai, come autore: sto studiando delle cose…”. (ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> 19 settembre </strong> Liotti stacca Eurogames, bene la Roma su Tv8. Formigli batte Del Debbio

19 settembre Liotti stacca Eurogames, bene la Roma su Tv8. Formigli batte Del Debbio

Rai, Laganà su Vespa: la sensibilità che dovrebbe avere il bravo giornalista era altrove; potenziale danno di immagine – L’INTERVISTA

Rai, Laganà su Vespa: la sensibilità che dovrebbe avere il bravo giornalista era altrove; potenziale danno di immagine – L’INTERVISTA

Rai, Salini: condivido la contrarietà per i toni dell’intervista di Vespa, faremo chiarezza

Rai, Salini: condivido la contrarietà per i toni dell’intervista di Vespa, faremo chiarezza