Rispetto e tolleranza contro l’odio online: al via la campagna #Ispeakhuman

L’odio online è letteralmente esploso nelle vite di tutti i giorni, invadendo i sempre più frequentati social network. L’hate speech, il discorso d’odio, ha ripercussioni serie e gravi sulla vita di chi lo subisce: spesso si tende a sottovalutare quello che avviene sul web, pensando che per natura sia meno “importante” di ciò che accade nella vita reale, ma non è così. In Italia, secondo dati Conacy, 1 ragazzo su 4 è vittima di cyberbullismo, e ogni giorno nel 60% delle scuole del Paese si registra un qualche episodio di bullismo.

Secondo quanto dichiarato dall’Unesco, sono tre gli step fondamentali per contrastare l’odio online: monitorare, prevenire ed educare. Ecco da dove nasce la Mappa dell’Intolleranza di Vox – Osservatorio italiano sui diritti e la campagna #Ispeakhuman, nata dalla collaborazione con il Liceo Scientifico Bottoni e l’Università Cattolica a Milano e lanciata in prossimità delle elezioni europee di maggio.

(Le immagini di una delle campagne di Vox)

“La mappa analizza l’hate speech tramite un software esclusivo, identificando sei cluster considerati a rischio: donne, ebrei, mussulmani, disabili, migranti e omosessuali. Noi monitoriamo anno per anno”, racconta Silvia Brena, co-fondatrice di Vox. “Questo è il quarto anno. Siamo partiti a dicembre, ma abbiamo deciso di estendere la rilevazione fino alle elezioni europee, considerato che questo è uno dei momenti di massima tensione online”.

“Il progetto #Ispeakhuman nasce proprio dalle linee guida dell’Unesco, e in particolare da “prevenire” ed “educare”. Per combattere i discorsi d’odio, è provato, non serve opporsi usando lo stesso linguaggio, ma è necessario lavorare sullo spettro positivo delle emozioni”.
Una contro-narrazione intrisa di positività quindi, per combattere i bias negativi, gli stereotipi su cui si fonda l’hate speech.

La cifra narrativa, spiega la co-fondatrice di Vox, è quindi quella di favore il linguaggio dell’inclusione. Ma prima di arrivare alla produzione dei contenuti che fanno parte della campagna, aggiunge Brena, il percorso è lungo: i ragazzi prima parlano con giuristi e psicologi, che spiegano loro l’impatto che gli hate speech hanno. “La prima cosa è renderli consapevoli della portata dell’odio che viene rilasciato. Spesso ci è capitato che ci fossero dei coming out, sia di vittime, sia di aggressori. Quando i ragazzi capiscono che non è normale essere vittimizzati o essere bulli e che i traumi che subiscono o causano avranno delle ripercussioni, lì cambiano: diventano alfieri di questa battaglia”.

(Le immagini della campagna Vox)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Aie, 2018 positivo per il mercato dei libri: +2% nel fatturato. Cresce del 9% la vendita di diritti all’estero

Aie, 2018 positivo per il mercato dei libri: +2% nel fatturato. Cresce del 9% la vendita di diritti all’estero

Stati generali Transizione energetica: opportunità di crescita anche per l’Italia. Patuanelli propone ‘patto verde’ con imprese

Stati generali Transizione energetica: opportunità di crescita anche per l’Italia. Patuanelli propone ‘patto verde’ con imprese

Addio a Paolo Bonaiuti. Fnsi: attento a pluralismo e ragioni lavoro

Addio a Paolo Bonaiuti. Fnsi: attento a pluralismo e ragioni lavoro