14 maggio Bova regola The Voice. Boom Floris, Vespa (con Salvini) batte Matrix (Di Maio)

Tanta politica in tv. Ieri sera, martedì 14 maggio, anche qualche fenomeno di bilocazione. C’è stato Luigi Di Maio, ad esempio, che è apparso da Giovanni Floris, e poi è stato in studio a ‘Matrix’ da Nicola Porro. Matteo Salvini è andato da Bruno Vespa, con Giancarlo Giorgetti e gli alpini. Mentre Silvio Berlusconi è passato da Bianca Berlinguer, dopo Mauro Corona, ma senza eccitare i meter. Nicola Zingaretti e Carlo Calenda sono andati invece da Floris, dove ad aprire la trasmissione è stato PierCamillo Davigo. Pierluigi Bersani invece è stato in onda dalla Berlinguer, arrivando in scaletta dopo Berlusconi, insieme a Claudio Borghi. Il tutto in una serata tv resa più facile per i talk dalla bassa conflittualità delle ammiraglie e dal ‘riposo’ del calcio.

Rai 1 ha trasmesso con successo la pellicola in seconda visione ‘Sei mai stata sulla Luna?’. La commedia sentimentale con Raoul Bova e Liz Solari ha ottenuto 2,863 milioni di spettatori e il 12,7%, facendo meglio del nuovo appuntamento con le blind audition di ‘The Voice’ (a 2,3 milioni circa e l’’11,2%).

Sul podio, con lo stesso numero di spettatori del talent di Rai2, ma con meno pubblico nel periodo in sovrapposizione, è salita seconda visione di Canale 5.

Il biografico ‘Pelè’, ha ottenuto 2,3 milioni di spettatori circa e il 10,3 di share.

Ma il vero fenomeno di serata – senza il football a distrarre i maschi e con il clima elettorale surriscaldato – è stato Giovanni Floris. Su La7 ‘DiMartedì’ schierando tra gli altri Piercamillo Davigo, Luigi Di Maio, Nicola Zingaretti e Carlo Calenda come ospiti, ha conquistato ben 1,757 milioni di spettatori e l’8%, portando a casa una delle migliori prestazioni stagionali.

Il programma de La7 ha quindi battuto le soap di Rete 4: ‘Il Segreto’, a 1,738 milioni di spettatori e 6,9% di share; e ‘Una Vita’, a 1,268 milioni spettatori e il 5,95%. Floris ha distanziato nettamente Bianca Berlinguer, stabile peraltro rimasta sulle solite prestazioni. ‘#Cartabianca’ (con Mauro Corona e poi Silvio Berlusconi, Pierluigi Bersani, Claudio Borghi e Stefano Buffagni come ospiti chiave) ha ottenuto 1,1 milioni circa di spettatori ed il 5,1%, arrivando ultimo nella graduatoria assoluta dei meter.

Ma il risultato più deludente della serata è stato quello dell’ultima puntata di ‘Colorado’, a 1,175 milioni ed il 6,2% su Italia 1, nettamente staccato da Floris e dalle soap.

Sempre in tema di talk, da registrare la solita nettissima vittoria di Lilli Gruber in access su Barbara Palombelli e Francesca Romana Elisei.

‘Otto e mezzo’, con Beppe Severgnini, Andrea Scanzi e Alberto Forchielli ha portato a casa 2 milioni di spettatori e l’8,1%.

‘Stasera Italia’, con Nicola Porro, Sergio Rizzo, Manlio Di Stefano e Gaetano Pedullà tra gli ospiti ha riscosso 1,050 milione e il 4,4% con la prima parte e 1,184 milioni e il 4,65% con la seconda parte.

‘Tg2 Post’ con Giorgia Meloni, Pietro Senaldi e Antonio Preziosi ospiti della Elisei ha avuto 1 milione di spettatori e il 3,94%.

In seconda serata, quando sono terminati il film di Rai1 e ‘The Voice’, è passata al comando la puntata di ‘Porta a Porta’ (9,6%) con Matteo Salvini e poi Giancarlo Giorgetti, su quella di ‘Matrix’ con Luigi Di Maio da Nicola Porro (7%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, Di Maio: abbiamo trovato una soluzione per ridurre il canone senza danneggiare la qualità del servizio pubblico

Rai, Di Maio: abbiamo trovato una soluzione per ridurre il canone senza danneggiare la qualità del servizio pubblico

A maggio online il 70% degli italiani. Audiweb: ogni giorno connessi quasi 34 milioni di persone, il 66% da smartphone

A maggio online il 70% degli italiani. Audiweb: ogni giorno connessi quasi 34 milioni di persone, il 66% da smartphone

Tv e social aumentano il rischio depressione tra i teenager. Lo studio: i problemi nascono dal confronto

Tv e social aumentano il rischio depressione tra i teenager. Lo studio: i problemi nascono dal confronto