16 maggio Montalbano ferma la Hunziker. Formigli (senza Salvini) batte del Debbio (con)

Un giovedì sera televisivo abbastanza (ma non del tutto) libero dalla concorrenza dello sport quello del 16 maggio (c’erano comunque gli Internazionali di Tennis, con Fognini contro Tsitsipas su Sky e Italia-Francia ‘under 17’ su Rai Sport). Tre le sfide chiave: quella tra le ammiraglie (fiction contro show), e poi quelle dei film (Rai2, Rai3, Italia 1) e dei talk (Rete4 e La7). In tutti e tre i casi gli esiti non sono stati del tutto in linea con le previsioni.

Su Rai1 ‘Il Commissario Montalbano’ in replica, convocato al giovedì in funzione di stopper, ha fatto per intero il proprio dovere. L’episodio ‘L’età del dubbio’, memorabile anche per la morte in servizio di Isabella Ragonese (li lì per diventare fidanzata di Salvo in questo capitolo della storia), ha conquistato quasi 5 milioni di spettatori ed il 22,2% di share ed ha vinto la serata.

Dall’altra parte della barricata Canale 5 stavolta schierava una produzione ambiziosa di Endemol Shine, un format che ha fin qui fatto sfracelli ovunque sia stato trasmesso. Ebbene, ‘All Together Now’, una sorta di ‘people talent’ musicale dall’aria scanzonata e leggera alla Renzo Arbore, ben condotto da Michelle Hunziker con il supporto di J-Ax, ha conquistato quasi 3,2 milioni di spettatori ed il 17,8% di share. Un avvio buono, ma non esaltante, anche se il programma – una volta terminata la puntata ‘triste’ di Montalbano – è passato al comando vincendo facile in seconda serata (e superando il 20% di share in quella fase).

Nella partita dei film c’è stato grande equilibrio. Su Italia1  ‘Giorni di un futuro passato’ con 1,233 milioni e il 6,1% ha fatto leggermente meglio del film drammatico su Rai2 (‘Trespass’ 1,119 milioni e 4,7%).

il settimo capitolo della saga di ‘X Men’ ha battuto anche la bella prima tv con Benicio del Toro su Rai3 (‘Escobar’ a 1,094milioni e 4,7%) che sembrava il candidato naturale alla vittoria tra le pellicole. Tra i talk politici, invece, stavolta sembrava favorito Paolo Del Debbio. Dall’altra parte della barricata, Corrado Formigli ha lamentato in puntata come Matteo Salvini fosse assente dalla sua trasmissione da ben due anni e non rispondesse agli inviti.

Comunque sia ‘Piazzapulita’ si è presentato ai nastri di partenza con Mimmo Lucano, Laura Boldrini, Fabio Massimo Castaldo e Carlo Calenda tra le presenze politiche, mentre la trasmissione rivale ha mandato on air i passaggi di Luigi Di Maio, Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e sembrava destinata a raggiungere, quanto meno, la concorrenza. I meter di Auditel dicono invece che le cose non sono cambiate: Formigli ha portato a casa poco più di 1 milione di spettatori ed il 5,7%, staccando abbastanza nettamente Del Debbio (819mila e 4,8%), e correndo meglio dei film per larghi tratti della serata. In access c’è stata un’altra prestazione vincente di Lilli Gruber, in vantaggio netto su Barbara Palombelli e Francesca Romana Elisei.

‘Otto e mezzo’, con Concita De Gregorio, Oscar Farinetti e Marco Travaglio ospiti, si è attestato a 1,9 milioni e il 7,94% di share su La7.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’, con Maria Giovanna Maglie, Stefano Zecchi, Elisabetta Gualmini, Maria Teresa Meli tra gli ospiti, ha avuto 1,069 milioni di spettatori e il 4,7% di share nella prima parte e poi 995mila spettatori e il 4,1% nella seconda parte

‘Tg2Post’ con Silvio Berlusconi e Massimo Franco tra gli ospiti della Elisei, ha portato a casa solo 948mila spettatori e il 3,9% di share.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Di Nicola (M5S): fondamentale una legge di riforma della Rai

Di Nicola (M5S): fondamentale una legge di riforma della Rai

Mise: chi si insedierà negli uffici di Largo Brazzà? Apertissima la partita per la delega alle tlc

Mise: chi si insedierà negli uffici di Largo Brazzà? Apertissima la partita per la delega alle tlc

Giletti: in Rai se devi spostare un tavolino,  devi mandare cinque mail; La7 ha una struttura agile

Giletti: in Rai se devi spostare un tavolino, devi mandare cinque mail; La7 ha una struttura agile