Radio Radicale, Di Maio: trovare una soluzione senza aiuti dallo Stato. Serve tutelare tutte le radio

“Non ho nessun interesse a far chiudere Radio Radicale ma bisogna trovare una soluzione che tuteli i posti di lavoro senza aiuti diretti dello Stato”. Lo ha affermato il vicepremier Luigi Di Maio parlando a Radio Anch’io, su Radio Rai 1.

“Serve una soluzione che tuteli tutte le radio italiane. In questi anni l’intervento diretto dello Stato ha creato squilibri” e “non dimentichiamo che anche quest’anno prenderà milioni di euro”, ha spiegato ancora il vice premier e ministro Mise. “E’ necessaria una soluzione. Non voglio far perdere il posto a qualcuno”.

Luigi Di Maio (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Di Maio ha poi invitato il deputato Pd Roberto Giachetti a sospendere lo sciopero della fame e della sete, iniziato a sostegno dell’emittente lo scorso 16 maggio, per cui ora si trova in ospedale.
A Giachetti ieri si è rivolto anche il Cdr di Radio Radicale, ringraziandolo per “la sua generosa iniziativa nonviolenta” e chiedendogli di “sospendere almeno lo sciopero totale della sete per riorganizzare insieme la lotta per la vita di Radio Radicale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Aumento dell’ascolto medio e contatti raddoppiati. L’effetto del lockdown sulle tv locali

Aumento dell’ascolto medio e contatti raddoppiati. L’effetto del lockdown sulle tv locali

L’Ue pensa a norme più severe per le big tech. Il piano Vestager: delineare confini legali, e non applicare solo leggi antitrust

L’Ue pensa a norme più severe per le big tech. Il piano Vestager: delineare confini legali, e non applicare solo leggi antitrust

Google lancia Digital Growth, programma di formazione per editori di piccole e medie dimensioni

Google lancia Digital Growth, programma di formazione per editori di piccole e medie dimensioni