22 maggio Boom D’Urso con l’affaire Prati/Michelazzo. Dietro Liotti e Sciarelli

Eliana Michelazzo (e non Silvio Berlusconi) ha fatto la differenza in prime time, e nessuno, fino a poco tempo fa, avrebbe potuto prevederlo. Un film tv della Rai, il live entertainment di Barbara D’Urso, il ritorno di Roberto Giacobbo, la solita Federica Sciarelli ed Enrico Mentana in prima serata con il leader di Forza Italia erano gli ingredienti fondamentali di una serata tv, quella del 22 maggio, in cui la contrapposizione preelettorale si è incanalata soprattutto nella seconda serata. Un classico – fiction contro intrattenimento ultra pop, simil Telecinco – la sfida tra le ammiraglie. E stavolta un po’ a sorpresa ha vinto il contenitore, puntando ancora su una storia che sta prendendo tinte sempre più grigio scuro, se non proprio noire.

Da record ieri è stata la prestazione di ‘Live-Non è la D’Urso’, che insistendo sul caso di Pamela Prati e intervistando l’agente della soubrette, Eliana Michelazzo, ha portato in dote a Canale 5 ben 3,9 milioni di spettatori e il 18% di share. La trasmissione di gossip e vita è durata molto meno del solito, passando il testimone a ‘Matrix’ alle 23.35 circa. Nicola Porro che apriva con Silvio Berlusconi (già primo ospite, in prima serata, di Enrico Mentana), ha conseguito 1 milione di spettatori e l’11,46% di share, correndo nella primissima parte davanti a Vespa.

Su Rai1 il film tv in prima tv con Daniele Liotti protagonista, ‘Duisburg-Linea di sangue’, ha ottenuto 3,680 milioni di spettatori ed il 16,6%, con la puntata di ‘Porta a Porta’ successiva con Matteo Salvini primo ospite di Bruno Vespa a 1,596 milioni di spettatori e l’11,4% nell’anteprima e poi a 980mila e 12,52%.

Ma torniamo al prime time. Sul terzo gradino del podio si è collocata Federica Sciarelli. Su Rai3 ‘Chi l’ha visto?’ è calato molto: la settimana scorsa la trasmissione aveva ottenuto 2,010 milioni di spettatori e il 9,4%, ieri si è fermata a 1,782 milioni di spettatori e l’8,74%, con una parte del pubblico della Sciarelli incuriosito dalla vicenda raccontata dall’ammiraglia del Biscione e perfettamente in tema con ‘Chi l’ha visto?’.

Dietro è arrivato il film con Jennifer Lopez e Richard Gere: su Rai2 ‘Shall we dance?’ ha ottenuto 1,423 milioni di spettatori e il 6,2% facendo meglio del telefilm di Italia 1: i tre episodi ‘Lethal Weaon’ hanno conquistato 1,046 milioni ed il 5,2%.

Su La7 Enrico Mentana, proponendo a ‘Bersaglio Mobile’ dopo Silvio Berlusconi anche Giorgia Meloni, Nicola Fratoianni ed Emma Bonino ha totalizzato 769mila spettatori e il 3,72%.

Meglio ha fatto su Rete 4 il ritorno di ‘Freedom’: i viaggi della conoscenza di Roberto Giaccobbo hanno convinto, ieri, 1 milione di persone con il 5% di share. Nella prima fase dell’ospitata di Berlusconi, però, fino alle 22.00, Mentana ha sfiorato quota 1,5 milioni rimanendo davanti a Giacobbo e il telefilm di Italia1. In access, nessuna variazione sostanziale degli equilibri.

‘Otto e Mezzo’ su La7 con Nicola Zingaretti e Alessandro Sallusti ospiti di Lilli Gruber ha ottenuto 1,634 milioni di spettatori con il 7,1% di share.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’, con Barbara Palombelli alla conduzione e tra gli ospiti Sebastiano Barisoni, Lucia Borgonzoni, Maria Giovanna Maglie, ha avuto prima 937mila spettatori e il 4,2% di share e quindi 1, 057 milioni di spettatori e il 4,44% di share.

Su Rai2, invece, ‘Tg2 Post’ con Francesca Romana Elisei alla conduzione ed Adelmo Lusi ed Ettore Prandini ospiti, ha conseguito 1,150 milioni di spettatori e 4,44%.

In seconda serata – dopo la fine dello show di Canale 5, sono rimasti in testa Berlusconi e Porro, con affiancato il finale di Chi L’ha visto?. Dalle 23.55 in avanti, invece, Vespa (con Matteo Salvini in apertura, con foglietto in mano come Berlusconi) ha superato di poco Porro.

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Crisi di Governo, Fnsi: voltare pagina su libertà d’informazione. Da nuovo esecutivo disponibilità al dialogo e al confronto

Crisi di Governo, Fnsi: voltare pagina su libertà d’informazione. Da nuovo esecutivo disponibilità al dialogo e al confronto

Dall’algoritmo alla policy sulle pubblicità. Ecco perchè i conservatori Usa non si fidano più di Facebook

Dall’algoritmo alla policy sulle pubblicità. Ecco perchè i conservatori Usa non si fidano più di Facebook

Più di 4 ore nelle Filippine e solo 45 minuti in Giappone. Quanto tempo si usano i social ogni giorno?

Più di 4 ore nelle Filippine e solo 45 minuti in Giappone. Quanto tempo si usano i social ogni giorno?