Tim, il Tar sospende multa su Golden Power fino al 30 novembre in attesa del parere del Consiglio di Stato

Giudizio sospeso sul ricorso amministrativo con il quale Tim contesta la multa da 74,3 milioni della Presidenza del Consiglio per la violazione degli obblighi relativi alla normativa sui poteri speciali (Golden Power) in quanto risulta ancora in attesa di decisione del Consiglio di Stato il Ricorso straordinario al Presidente della Repubblica. E resta sospesa anche la maximulta, almeno fino al prossimo 30 novembre. È la decisione del Tar del Lazio contenuta in una sentenza ‘non definitiva’ nell’ambito del ricorso.

Per i giudici “la caratteristica di ‘originalità’ del doppio procedimento che ha contraddistinto l’operato della Presidenza del Consiglio dei ministri impone di attendere la pronuncia del Consiglio di Stato in sede di ricorso straordinario sull’atto di ‘accertamento’, anche per verificare se tale organo investito della decisione ritiene di condividere tale impostazione, con conseguente verifica dell’effettiva impugnabilità di tale atto e dell’eventuale fondatezza delle censure proposte, oltre ai vizi “propri” del provvedimento sanzionatorio pure lamentati”.

La conseguenza è che il Tar ha ritenuto di “accogliere la domanda di parte ricorrente, provvedendo alla sospensione, in attesa della definizione di quello pendente avanti al Consiglio di Stato, ricorrendo come in altre occasioni, all’istituto della sospensione cosiddetta ‘impropria’ del processo”.
Ricordando poi che nel corso del giudizio era stata concessa la sospensione della sanzione “in virtù di spontanea prestazione da parte della società ricorrente di una cauzione di importo pari a quello della sanzione irrogata e che tale garanzia risulta prorogata dall’istituto che l’aveva concessa fino al 30 novembre 2019”, il Tar ha rinnovato “la statuizione cautelare in tal senso, estendendola a tale data e imponendo alla ricorrente di prorogare ulteriormente la cauzione in questione fino alla nuova discussione del merito (all’esito della riassunzione susseguente alla decisione del ricorso straordinario ora pendente), qualora tale discussione fosse fissata in data posteriore al 30 novembre 2019”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Apple mette sul piatto 6 miliardi di dollari per la produzione di contenuti video originali

Apple mette sul piatto 6 miliardi di dollari per la produzione di contenuti video originali

Twitter e Facebook contro le fake news sulle proteste a Hong Kong. Allarme interferenze cinesi

Twitter e Facebook contro le fake news sulle proteste a Hong Kong. Allarme interferenze cinesi

Nel 2019 spese ogni giorno quasi 3 ore per informarsi sul web. Zenith: in 10 anni dimezzato il tempo usato per leggere quotidiani stampati

Nel 2019 spese ogni giorno quasi 3 ore per informarsi sul web. Zenith: in 10 anni dimezzato il tempo usato per leggere quotidiani stampati