Al Palaexpo la Snai protagonista al Festival dello Sviluppo sostenibile

Chi promuove lo sviluppo sostenibile in Italia, sa che l’impegno per centrare i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite non può prescindere dal territorio delle aree interne: nel nostro Paese, vivono il rischio spopolamento più di 4mila Comuni, che occupano il 60% della superficie territoriale, e ospitano oltre 13,2 milioni di abitanti.

In quei territori mancano i servizi essenziali ed è necessario un impegno pubblico per sconfiggere la povertà e ridurre le disuguaglianze, ovvero realizzare i due goal delle Nazioni Unite su cui si concentra quest’anno il Festival dello Sviluppo Sostenibile promosso da Asvis (in programma fino al 5 giugno al Palazzo delle Esposizioni di Roma, in via Milano 11).

Organizzato dalla Snai, Strategia Nazionale Aree Interne, nella cornice del Festival, viene dedicato un articolato spazio di riflessione per affrontare il tema delle diseguaglianze territoriali e dell’accesso ai servizi di cittadinanza. La Snai, che dal 2014 opera nell’ambito del Dipartimento per le politiche di coesione della presidenza del Consiglio dei ministri, e in coordinamento con le Regioni e i fondi delle politiche europee di coesione, propone seminari, presentazioni di libri e una rassegna di documentari che raccontano luoghi e storie delle aree interne, nonchè l’azione che svolge per combattere lo spopolamento e favorire lo sviluppo locale.

Si comincia lunedì prossimo con un seminario che affronterà il tema delle diseguaglianze che penalizzano soprattutto i giovani, e le difficoltà di sopravvivenza dell’agricoltura di qualità in un mercato dominato dalla grande distribuzione. Il martedì successivo si parlerà di istruzione, e in particolare dei processi messi in atto per rimuovere gli ostacoli alla creazione di scuole nuove e innovative nelle aree interne con interventi, oltre di Sabrina Lucatelli (coordinatore della SNAI), Filippo Tantillo e Silvia Napoli del Comitato Tecnico Aree Interne, di rappresentanti delle diverse aree interne: Basso Sangro – Trigno (Abruzzo), Appennino Emiliano, Valli Maira e Grana (Piemonte), Gennargentu-Mandrolisai (Sardegna).
Sabato primo giugno, infine, è in programma un workshop su ‘Migrazioni e politiche di sviluppo territoriale nelle aree interne’. Tra i relatori Daniela Luisi del Comitato Tecnico Aree Interne), Giuseppe Gervasi, sindaco facente funzione a Riace. Verrà presentata l’esperienza di Rise Hub, associazione di promozione sociale attiva nel territorio dell’area interna Val di Comino, nel Basso Lazio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Martella: rilanciare il settore con una legge 5.0. All’informazione quota da web tax e sostegno pubblico stabile

Editoria, Martella: rilanciare il settore con una legge 5.0. All’informazione quota da web tax e sostegno pubblico stabile

La classifica dell’informazione online, Audiweb agosto 2019. Estate calda per i siti di giornali e agenzie stampa – TABELLA

La classifica dell’informazione online, Audiweb agosto 2019. Estate calda per i siti di giornali e agenzie stampa – TABELLA

Super! è tutto di Viacom Italia. Il gruppo guidato da Castellari acquista il 50% in mano a De Agostini

Super! è tutto di Viacom Italia. Il gruppo guidato da Castellari acquista il 50% in mano a De Agostini