29 maggio Chelsea-Arsenal (free+pay) batte D’Urso-Michelazzo, Buy-Gerini e Sciarelli-Prati

Pausa obbligata. Dopo la sbornia elettorale, la politica ieri in tv è rimasta confinata in access prime time e seconda serata, con il destino di Luigi Di Maio in ballo nell’assemblea grillina finita alle ore piccole, inevitabilmente fuori dai radar di quasi tutti i programmi. Il ‘caso Prati’, invece, la vicenda cioè del matrimonio mancato con il fantomatico Mark Caltagirone, è esondata da Canale 5 alla terza rete: la soubrette, infatti, è stata ospite perfettamente silenziosa di Federica Sciarelli, presentata come ‘testimonial’ di una puntata di ‘Chi l’ha visto?’ che ha indagato sulle truffe romantiche perpetrate sul web.

Così, in questo contesto fantasmatico, mercoledì 29 maggio il calcio ha finito per farla da padrone con la finale dell’Europa League trasmessa in chiaro su Tv8 e a pagamento su Sky. Complessivamente Chelsea-Arsenal, vinta per 4 a 1 dagli uomini di Maurizio Sarri, ha conquistato 3,8 milioni di spettatori ed il 15,3% di share, con la trasmissione free sul digitale terrestre che con 2,587 milioni di spettatori ed il 10,4% di share ha conquistato il terzo gradino del podio generalista.

Tra le ammiraglie è prevalsa Canale 5. ‘Live-Non è la D’Urso’, insistendo sulla querelle di Pamela Prati e intervistando di nuovo l’agente della soubrette, Eliana Michelazzo, ma poi anche la madre del bambino la cui foto era stata usata nella truffa, ha portato in dote a Canale 5 quasi 3,2 milioni di spettatori e il 19% di share.

Staccata è arrivata Rai1 con il film tv ‘Nemiche per la pelle’, che ha ottenuto 2,867 milioni di spettatori ed il 12%.

Su Rai3 ‘Chi l’ha visto?’ accogliendo la Prati in tribuna, ha riguadagnato ascolti: la settimana scorsa la trasmissione si era fermata a 1,782 milioni di spettatori e l’8,74%, con una parte del pubblico della Sciarelli decisamente incuriosito dalla vicenda raccontata dall’ammiraglia del Biscione. Ieri il format più anziano in onda in prime time ha portato a casa 2,1 milioni di spettatori ed il 9,9% di share, risalendo la china.

Dietro sono arrivati, nell’ordine, il film con Mark Wahlberg su Rai2 (‘Boston- Caccia all’uomo’ ha ottenuto 1,340 milioni di spettatori e il 5,84%), quello di Italia 1 (‘Scontro tra titani’ ha conquistato 1,253 milioni ed il 5,41%).

Più staccati Roberto Giacobbo su Rete 4 (‘Freedom’ a 1,042 milioni e 4,9%), e soprattutto il film vintage e cult de La7 (‘Lawrence d’Arabia’ a 427 mila spettatori e 2,4%). In access, da registrare il cambio di registro di Rai2 (ieri tema la cronaca nera) ma senza nessuna variazione sostanziale degli equilibri tra i talk d’informazione.

‘Otto e Mezzo’ su La7 con Stefano Zurlo, Mario Monti e Gad Lerner, ospiti di Lilli Gruber ha ottenuto 1,9 milioni di spettatori circa con il 7,7% di share.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’, con Barbara Palombelli alla conduzione e tra gli ospiti Tommaso Labate, Stefano Feltri, Giulio Sapelli e Luca Ricolfi, ha avuto 1,050 milioni di spettatori e il 4,3% di share.

Su Rai2, invece, ‘Tg2 Post’ con Francesca Romana Elisei alla conduzione e Simonetta Matone ed Francesco Morcavallo a parlare del caso di Martina Levato, ha totalizzato 973mila spettatori e il 3,82%.

 

In seconda serata lo show di Barbara D’Urso, spostando il focus su prostituzione e turismo sessuale, ha dominato la scena viaggiando tra il 25% ed il 30% di share.

‘Porta a Porta’, con Bruno Vespa alla conduzione, l’attualità politica e l’assemblea cinquestelle in menù, ma anche il finale di ‘Ballando con le stelle’, ha ottenuto 1,363 milioni e l’8,78% nella prima parte e poi 815mila spettatori e il 9,92% nella seconda parte.

 

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Upa lancia Nessie, prima dmp condivisa dai soci di un’associazione. Sassoli De Bianchi: nel ‘data lake’ i dati dei partecipanti

Upa lancia Nessie, prima dmp condivisa dai soci di un’associazione. Sassoli De Bianchi: nel ‘data lake’ i dati dei partecipanti

‘Gli Editori per l’Editoria’, accordo Fieg-Aie per sensibilizzare su informazione ed editoria – DOCUMENTO

‘Gli Editori per l’Editoria’, accordo Fieg-Aie per sensibilizzare su informazione ed editoria – DOCUMENTO

Mfe, avanti su fusione: pubblicato statuto ‘anti-ribaltone’ per la nuova holding. Voto Vivendi resta congelato

Mfe, avanti su fusione: pubblicato statuto ‘anti-ribaltone’ per la nuova holding. Voto Vivendi resta congelato