Cairo, Starace e Descalzi sul podio di Reputation Science a maggio

Con un punteggio di 76,40, Urbano Cairo si conferma il manager con la miglior reputazione online anche nel mese di maggio. Lo rileva l’Osservatorio permanente di Reputation Science, che ogni mese analizza l’andamento della Web Reputation dei manager.

Alle spalle dell’editore e proprietario del Torino, che nell’ultimo periodo è stato commentato soprattutto sotto il profilo calcistico, essendosi esposto molto contro il progetto ‘Superlega’, seconda posizione per l’ad di Enel, Francesco Starace (67,71), grazie a ricavi e utili in aumento. Terzo posto per Claudio Descalzi di Eni (67,64), che ha centrato il miliardo di profitti nel trimestre e in Algeria ha rinnovato l’importante accordo con la compagnia di Stato Sonatrach per la fornitura di gas fino al 2027.
Scivola in quarta posizione John Elkann (65,34), che ha annunciato l’inizio dei lavori sulla 500 elettrica e la prima applicazione della guida assistita, frutto della partnership tecnologica con Bmw, alla gamma Maserati.

(La top10 nella classifica di Reputation Science)

Alberto Bombassei con 58,02 si conferma quinto, seguito da Diego Della Valle (56,26) che sale di due posti. Carlo Messina di Intesa Sanpaolo (56,09) è stabile al settimo, Marco Alverà di Snam (55,91) è ottavo, Matteo Del Fante di Poste Italiane (55,73) nono e Remo Ruffini (54,73) si conferma decimo.

Nel corso del mese sono stati quattro nuovi ingressi tra i primi quindici della classifica. Jean Pierre Mustier, ad di Unicredit, guadagna dodici posizioni ed è undicesimo con 54,70 (+3,45), grazie agli utili sopra le attese e alla decisione, rivelatasi molto popolare, di dire addio a Facebook per valorizzare i canali proprietari di Unicredit. Segue al dodicesimo posto Valerio Camerano, ad di A2A, che totalizza 53,87 e sale di sei posizioni, premiato da target ambiziosi, previsioni di crescita e dall’interesse per l’acquisizione di Sorgenia. Segno più anche per Ennio Doris che ha inaugurato la nuova sede di Mediolanum a Roma:
tredicesimo con 53,58 e tre posizioni guadagnate. Piano Industriale 2019-23, il lancio degli Innovation
Hub e gli accordi strategici siglati fanno guadagnare nove posizioni all’ad di Terna Luigi Ferraris che
entra nella top 15 con 53,49 (+2,53).

Tra le crescite in Top 100: Gianfranco Battisti di Fs, che ha presentato un piano industriale da 58 miliardi di investimenti e assunzioni, sale di undici e si piazza 32esimo; Gabriele Galateri di Genola (38°) riconfermato Presidente di Assicurazioni Generali guadagna quindici posizioni; sale di dodici Marina
Berlusconi (39°), favorevole alle alleanze internazionali di Mediaset per competere in Europa e che
ciclicamente viene corteggiata da una parte della base azzurra che la vorrebbe nuovo leader di Forza
Italia; Carlo Cimbri (44°), scala la classifica di ben ventotto posizioni, grazie al nuovo piano ‘Mission
Evolve’ che punta a rafforzare la leadership di Unipol nel settore assicurativo investendo su mobility,
welfare e property.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Champions in chiaro su Mediaset per il prossimo biennio, tribunale respinge il ricorso Rai

Champions in chiaro su Mediaset per il prossimo biennio, tribunale respinge il ricorso Rai

Rai, l’ad Salini scrive a direttori tg e reti: “Equilibrio e imparzialità”

Rai, l’ad Salini scrive a direttori tg e reti: “Equilibrio e imparzialità”

Ok alla fusione fra Viacom e Cbs: nasce ViacomCbs, big dei media da 28 miliardi

Ok alla fusione fra Viacom e Cbs: nasce ViacomCbs, big dei media da 28 miliardi