3 giugno Vince il GF su Bella Germania. Bene Report al caffè e poi Lerner

Il colpo a sorpresa della giornata televisiva – non recepito bene se non da Enrico Mentana – sono state le dichiarazioni al popolo italiano del premier Giuseppe Conte.

In diretta nello speciale del TgLa7 ha ottenuto il 4%; la conferenza stampa del preserale, nondimeno, è divenuta un contenuto chiave di tutti i tg e i programmi d’informazione.

In prime time, comunque, lunedì 3 giugno è stata più combattuta del solito la sfida tra le ammiraglie. La serata televisiva se la è aggiudicata Barbara D’Urso. Al ‘Grande Fratello’ continuano a tenere banco le vicende di Francesca De Andrè e ieri, alla penultima puntata, Martina, Gianmarco e Daniele hanno conquistato la finale, mentre Valentina, Kikò e Michael sono stati eliminati ed Enrico, Francesca ed Erica saranno scremati dal televoto. Con questo menù la D’Urso ha ottenuto 3,366 milioni di spettatori ed il 21% di share.

E’ arrivato non troppo distante il primo capitolo di una fiction tedesca in prima visione su Rai1: ‘Volevamo andare Lontano – Bella Germania’, basata su una storia di italiani emigrati in Germania, ha ottenuto ben 3,152 milioni di spettatori ed il 14,9% reggendo il confronto con il reality (nel periodo in cui le due trasmissioni erano in onda contemporaneamente Canale5 ha avuto 3,9 milioni e il 18,7% e Rai1 3,1 milioni e il 14,9%).

Sul terzo gradino del podio si è installata Rai3: ‘Report’ indagando sugli ultras e il caffè, ha totalizzato ben 2,148 milioni di spettatori e il 9,2% (durante il servizio sul caffè picco dell’11% e 2,8 milioni di spettatori).

Al quarto posto, in termini di ascolti, è arrivata Italia1 con ‘Apes Revolution’ (1 milione di spettatori e il 5%), ma se si considera il periodo in sovrapposizione a fare meglio è stata una puntata di ‘Quarta Repubblica’ (984mila spettatori ed il 5,6%), che ha offerto l’intervista di rientro di Armando Siri nell’agone mediatico, un collegamento con Matteo Salvini a Cremona e tanto altro ancora. Dietro Nicola Porro così è finita la puntata di ‘Unici’ dedicata al programma cult ‘Non Stop’ (a 730mila spettatori e il 3,8% su Rai2), nonché il film de La7 con Luca Zingaretti (‘Tutte le donne della mia vita’ a 707mila e 3,1%).

In seconda serata è stato come sempre notevole il dominio del GF, sopra il 30% di share poco dopo mezzanotte.

Ma c’è da registrare l’ottima prestazione d’esordio di Gad Lerner con ‘L’approdo’ su Rai3 ( per ‘Storia della Lega’ con Marco Tarchi e Luciano Canfora ospiti in studio, 1,174 milioni e 7,43%) che ha passato il testimone del secondo posto a ‘Linea Notte’.

Mentre sempre molto deludenti sono rimaste le performance di ‘Povera Patria’ su Rai2.

Registrato il debutto tiepido di Marco Liorni con ‘Reazione a Catena’ nel preserale di Rai1 (nella seconda parte raggiunto da ‘Caduta Libera’) e mandata in archivio la vittoria di ‘Striscia’ sulla prima puntata di ‘Techetechetè’ dedicata a Fabrizio Frizzi, in access – in tema talk – c’è da segnalare il solito netto dominio altoatesino.

Su La7 Lilli Gruber con ‘Otto e Mezzo’ (Alessandro Sallusti, Marianna Aprile, Antonio Padellaro, Pino Corrias ospiti) ha avuto 2,1 milioni e l’8,85%.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’ con Barbara Palombelli alla conduzione (Bruno Vespa, Francesca Fagnani, Carlo Calenda e Maurizio Belpietro al tavolo), è arrivata a 1,1 milioni di spettatori e il 4,8% di share.ù

Su Rai Due il ‘Tg2Post’ con Francesca Romana Elisei alla conduzione (Massimo D’Amore, Massimo Franco e Francesco Borgonovo ospiti) si è fermato 1,051 milioni e il 4,34%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Champions in chiaro su Mediaset per il prossimo biennio, tribunale respinge il ricorso Rai

Champions in chiaro su Mediaset per il prossimo biennio, tribunale respinge il ricorso Rai

Rai, l’ad Salini scrive a direttori tg e reti: “Equilibrio e imparzialità”

Rai, l’ad Salini scrive a direttori tg e reti: “Equilibrio e imparzialità”

Ok alla fusione fra Viacom e Cbs: nasce ViacomCbs, big dei media da 28 miliardi

Ok alla fusione fra Viacom e Cbs: nasce ViacomCbs, big dei media da 28 miliardi