Fox si trasferisce a Milano: tra marzo e settembre traslocano nell’head quarter Disney circa 150 dipendenti

Non  c’è ancora stata la comunicazione ufficiale, ma è certo che  Fox trasferirà la sua sede da Roma a Milano e che il trasloco avverrà tra marzo e settembre.

Lo hanno deciso i vertici Disney che l’estate scorsa ha acquisito Fox nell’ambito della mega operazione che ha portato  21st Century Fox, che controlla Fox Networks Group, nelle mani di  Walt Disney Group. Operazione che ha avuto come prima ricaduta italiana la riorganizzazione di alcuni incarichi di vertice. A Daniel Frigo, confermato country manager di Disney Italia, è stata attribuita anche la responsabilità della divisione Cinema, mentre a  capo della divisione Media di Disney Italia è stata  nominata Kathryn Fink che in Fox Italia ricopriva l’incarico di managing director. Fink  ha assunto il controllo anche dei canali a brand Disney e  la responsabilità della vendita di canali a piattaforme terze, del content sales così come del direct-to-consumer.

Il trasferimento coinvolge circa 150 dipendenti a cui sarà chiesto di lasciare  Piazza San Silvestro a Roma  per il capoluogo lombardo. Probabilmente in Via Ferrante Aporti, head quarter italiano di Disney.

La preoccupazione tra i lavoratori Fox è palpabile e comprensibile anche perchè non si sa ancora nulla delle condizioni che verranno poste da Walt Disney Company Italia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il Velino: dal primo luglio cessano le attività. Il Cdr: ennesimo incontro mancato con l’editore; 18 dipendenti in cassa per cessazione

Il Velino: dal primo luglio cessano le attività. Il Cdr: ennesimo incontro mancato con l’editore; 18 dipendenti in cassa per cessazione

<strong> 25 giugno – </strong>Più di 2,7 milioni di spettatori per l’esordio di The Resident su Rai1. Volano le azzurre del calcio

25 giugno – Più di 2,7 milioni di spettatori per l’esordio di The Resident su Rai1. Volano le azzurre del calcio

Aie contro la proposta di legge sul libro. Il presidente Levi: va contro la lettura e danneggia famiglie e consumatori

Aie contro la proposta di legge sul libro. Il presidente Levi: va contro la lettura e danneggia famiglie e consumatori