Apa: eletto il nuovo consiglio direttivo. Il presidente Leone: impulso a sfide che attendono l’audiovisivo

L’Assemblea dell’Associazione Produttori Audiovisivi, presieduta da Giancarlo Leone, ha eletto ieri tra i suoi Associati, tramite scrutinio segreto, il nuovo Consiglio Direttivo per il triennio 2019-2022.A comporre il vertice dell’Associazione il presidente Giancarlo Leone, i vice presidenti Matteo Levi (11 Marzo Film), Giovanni Stabilini (Cattleya), Maurizio Tini (Garbo Produzioni), il neo eletto consiglio direttivo formato da Gioia Avvantaggiato (GA&AProductions), Matilde Bernabei (Lux Vide), Verdiana Bixio (Pusblispei), Nicola De Angelis (Fabula Pictures), Gloria Giorgianni (Anele), Gabriele Immirzi (FremantleMedia Italia), Giannandrea Pecorelli (Aurora TV), Federico Scardamaglia (Compagnia Leone Cinematografica), dal Direttore Generale Chiara Sbarigia e dal Tesoriere Mario Mauri.

Giancarlo Leone (Foto ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Nel Comitato di Presidenza figurano il presidente, i vice presidenti, Laurentina Guidotti (Iterfilm) e Gabriele Immirzi (FremantleMedia Italia).

“Il rinnovato Consiglio Direttivo dell’Associazione darà ancora maggiore impulso alle molte sfide che attendono il mondo della produzione audiovisiva,  ha dichiarato il Presidente Giancarlo Leone, per dare maggiore certezza di risorse al settore e per favorire una attività regolamentatoria e contrattuale maggiormente allineata alle esigenze del mercato che vedono il prodotto audiovisivo sempre più centrale e determinante”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste