Gli Obama si lanciano nei podcast: accordo con Spotify per realizzare contenuti esclusivi

Anche Barack e Michelle Obama puntano sui podcast. L’ex coppia presidenziale ha infatti siglato un accordo con Spotify per la produzione di contenuti audio in esclusiva. Ad annunciarlo la stessa Spotify, che ha spiegato di aver siglato l’intesa con Higher Ground, la società di produzione, fondata dagli Obama nel 2018, dopo aver siglato una partnership con Netflix.

Barack e Michelle Obama (Foto Ansa – EPA/SHAWN THEW)

“Abbiamo sempre creduto nel valore dell’intrattenimento, provocando però il dibattito: questo ci aiuta a stabilire connessioni e ad aprirci a nuove idee”, ha affermato Obama in una nota. “I podcast ci offrono la straordinaria occasione di alimentare un dibattito produttivo, di far sorridere e pensare”.

L’ex firts Lady ha definito l’accordo “l’occasione di amplificare le voci che troppo spesso sono ignorate o messe a tacere. Tramite Spotify possiamo raccontare storie al mondo”.

L’accordo con gli Obama è un’importante vittoria per Spotify nell’industria dei podcast e nella battaglia per i diritti per contenuti originali. “Il presidente Barack Obama e Michelle Obama sono due delle voci più importanti al mondo, ed è un privilegio per noi lavorare con loro nell’identificare storie che possono ispirare il nostro pubblico”, ha commentato il responsabile dei contenuti di Spotify, Dawn Ostroff.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste