Diana E-commerce Corporation collabora con Movimoda per la logistica

Diana E-commerce Corporation avvia una partnership con Movimoda, partner i riferimento nella logistica integrata specializzata nella Supply Chain del Fashion e Lifestyle.

La collaborazione, riporta una nota stampa, permette all’agenzia specializzata nel fashion e-commerce di passare a un’offerta basata su piattaforme in cloud e al servizio di logistica consente di ottimizzare l’operatività, di offrire un servizio ancora più efficiente ai propri clienti e di ampliare il proprio portfolio.

Movimoda, che è presente con 21 strutture in Europa, 11 in Asia, 4 in America Latina e 1 in USA ha messo a disposizione un impianto strategicamente vicino alla sede principale di Diana, a Torreglia (PD).

“Scalare i servizi logistici in base alle necessità, da soli, sarebbe stato impossibile”, afferma Stefano Mocellini, Founder & CEO di Diana Corp. “Con Movimoda ora è una realtà, in grado di reggere livelli di carico molto importanti. Ma non si tratta solo di avere più spazio e più persone a disposizione, quando serve. L’intesa che abbiamo trovato potenzia e innova la strategia di tutti e due: porta a Movimoda la nostra esperienza e-commerce e ai nostri clienti l’incredibile livello di servizio che Movimoda riesce a offrire”.

Stefano Mocellini

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Diminuisce l’efficacia della comunicazione digitale per mancanza di emozione e creatività. Lo dice uno studio Kantar

Diminuisce l’efficacia della comunicazione digitale per mancanza di emozione e creatività. Lo dice uno studio Kantar

IOL torna in pubblicità con la campagna ‘Italiaonline e ci guadagni online’. Giacchi: prendiamo per mano le PMI italiane

IOL torna in pubblicità con la campagna ‘Italiaonline e ci guadagni online’. Giacchi: prendiamo per mano le PMI italiane

Corriere dello Sport-Stadio arriva sugli speaker di Google e Amazon grazie alla collaborazione con PaperLit

Corriere dello Sport-Stadio arriva sugli speaker di Google e Amazon grazie alla collaborazione con PaperLit