Boom per le azzurre: 18,5% di share sulla Rai e 4,6% su Sky per la vittoria contro l’Australia

Debutto col botto. In tutti i sensi. Evento ben promosso dai broadcaster, sia dalla Rai (che detiene i diritti dei match della nostra squadra) che da Sky (che trasmette tutte le partite della competizioine mondiale), l’incontro di calcio Australia-Italia allo Stade du Hainaut di Valenciennes, che sanciva l’esordio, davanti a 15.380 spettatori, nei Mondiali di calcio femminili della Nazionale guidata da Milena Bertolini, era atteso alla prova dei meter, oltre che del campo.

La festa delle azzurre dopo la vittoria contro l’Australia (Photo Lapresse – FRANCOIS LO PRESTI / AFP)

Alle prese con il team che nel ranking Fifa è al sesto posto assoluto, la squadra Azzurra (fin qui quindicesima nel Mondo) ha fatto un piccolo miracolo, rimontando e vincendo per due a uno, nonostante due gol annullati per fuori gioco. Secondo Auditel, la partita caratterizzata dalle due marcature di Barbara Bonansea – Fifa Best Player del match, che prima ha risposto al gol su calcio di rigore della capitana aussie Sam Kerr, segnando poi la seconda rete, di testa, nelle battute finali della gara – ha avuto 2,825 milioni di spettatori e 18,5% di share su Rai1 e 704 mila spettatori medi e 4,6% di share su Sky. Per un bilancio complessivo di 23% di share e circa 3,5 milioni di spettatori, assolutamente impensabile fino a pochi mesi fa.

Le azzurre nel post partita (foto Primaonline.it): Sara Gama, Laura Giuliani; Alia Guagni; Elena Linari; Barbara Bonansea; Elisa Bartoli

Milena Bertolini lo aveva detto in esclusiva a Prima Comunicazione, in edicola con uno speciale sui mondiali di calcio femminili: “Sarà importante la prima partita”. E così è stato.
“Nel primo tempo abbiamo rinunciato a giocare, fisicamente ci hanno aggredito e le abbiamo lasciate fare”,
ha spiegato in conferenza stampa la ct, “nell’intervallo ci siamo dette che avremmo dovuto giocare noi la
palla per poterle mettere in difficoltà”.
Bertolini elogia il team azzurro. “Nel discorso che ho fatto alla squadra prima della partita ho detto loro che a livello di gruppo sono la squadra più forte del Mondiale. Il nostro è un team evoluto, le ragazze si parlano, si confrontano e si consigliano”, ha proseguito la ct.

Milena Bertolini (Photo LaPresse – FRANCOIS LO PRESTI / AFP)

A fare la differenza sono stati i cambi, con l’ingresso di Elisa Bartoli al posto di Aurora Galli all’inizio del secondo tempo, e un assestamento delle undici su un modulo 4-4-2. “Prima di comunicare la formazione sono in difficoltà. Elisa Bartoli per noi è una titolare così come Daniela Sabatino entrata successivamente al posto di Ilaria Mauro”, ha proseguito Milena Bertolini.

“Cosa mi aspetto ora? Una fidelizzazione a questa Nazionale e che l’Italia si innamori del calcio femminile”, ha concluso la ct che ha ringraziato i media per il clima di attesa creato nei giorni che hanno preceduto l’esordio azzurro.

Sempre nel girone C il Brasile ha battuto la Giamaica 3-0. Venerdì 14 giugno alle ore 18 l’Italia torna in campo contro le giamaicane a Reims

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai: domani in Vigilanza il voto su Foa. Lega e M5S divisi, si va verso l’ok alla risoluzione contro il doppio incarico

Rai: domani in Vigilanza il voto su Foa. Lega e M5S divisi, si va verso l’ok alla risoluzione contro il doppio incarico

Inpgi: 147 milioni di euro di disavanzo, in cinque anni persi 3mila posti. Macelloni: male la gestione principale dei giornalisti

Inpgi: 147 milioni di euro di disavanzo, in cinque anni persi 3mila posti. Macelloni: male la gestione principale dei giornalisti

Facebook lancia la criptovaluta Libra. Zuckerberg: sicurezza pagamenti anche senza conto in banca

Facebook lancia la criptovaluta Libra. Zuckerberg: sicurezza pagamenti anche senza conto in banca