Il fondo Usa Kkr entra in Axel Springer e lancia un’Opa sul gruppo tedesco. Il ceo Doepfner: opportunità di crescita

Il fondo statunitense Kkr è entrato nel capitale del colosso editoriale tedesco Axel Springer, dove dovrebbe diventare il primo azionista, attraverso un’opa, in accordo con i soci storici. L’accordo valuta l’editore 6,7 miliardi di euro.
Nel dettaglio, la società di provate-equity offre a tutti gli azionisti del gruppo editoriale 63 euro per azione, con un premio del 31,5% sul corso medio del titolo in Borsa negli ultimi tre mesi.  L’offerta dovrà essere accettata da almeno il 20% degli azionisti.

Allo stesso tempo, Kkr ha siglato un’intesa distinta con i due principali azionisti della società tedesca, Frieda Springer, vedova del fondatore del gruppo, che detiene il 42,6% del capitale, e il presidente del direttorio Mathias Doepfner, che controlla invece il 2,8%. Entrambi, secondo quanto spiega una nota, non cederanno i loro titoli a Kkr ma “resteranno impegnati allo stesso grado di oggi” nella gestione della società, “coordinando” le loro decisioni con quelle del fondo americano.

Mathias Doepfner (Foto Ansa – EPA/FELIPE TRUEBA)

“La partnership strategica con KKR ci consentirà di perseguire importanti opportunità di crescita fornendo ulteriori capacità finanziarie e alleggerendo la mera attenzione agli obiettivi finanziari a breve termine”, ha spiegato Döpfner.

Sul fronte dei conti, l’editrice intanto ha rivisto al ribasso la guidance per il 2019 dopo aver registrato ricavi inferiori alle attese durante i primi mesi dell’anno. Secondo le nuove previsioni, i ricavi 2019 si dovrebbero attestare nella parte bassa del range a una cifra, mentre aveva in precedenza stimato che questi sarebbero aumentati.
I ricavi derivanti dai business delle categorie classificate sono invece attesi ai livelli dell’anno precedente. Per il 2020 la società ha previsto che l’Ebitda sia molto inferiore rispetto ai livelli del 2019.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Apple mette sul piatto 6 miliardi di dollari per la produzione di contenuti video originali

Apple mette sul piatto 6 miliardi di dollari per la produzione di contenuti video originali

Twitter e Facebook contro le fake news sulle proteste a Hong Kong. Allarme interferenze cinesi

Twitter e Facebook contro le fake news sulle proteste a Hong Kong. Allarme interferenze cinesi

Nel 2019 spese ogni giorno quasi 3 ore per informarsi sul web. Zenith: in 10 anni dimezzato il tempo usato per leggere quotidiani stampati

Nel 2019 spese ogni giorno quasi 3 ore per informarsi sul web. Zenith: in 10 anni dimezzato il tempo usato per leggere quotidiani stampati