La Bbc taglia il canone gratuito agli over 75. Sono i telespettatori più abbienti

Non sarà più gratuito il canone Bbc per gli over 75. Il servizio pubblico non può più permettersi di esentare dal pagamento della licence fee di 154 sterline l’anno 3.7 milioni di pensionati, per un totale di 745 milioni di mancati introiti l’anno. È un quinto del budget totale, e privarsene mette a rischio i palinsesti di Bbc Two, Bbc Four, Bbc News, Scotland, Radio 5 Live e una serie di radio locali.

Bbc (Foto Ansa/ RAIN /DBA)

Continueranno ad essere esentate solo le 900mila famiglie più in difficoltà, quelle con redditi molto bassi e almeno un componente con il diritto alla pensione minima, per un totale di 250 milioni.
L’esenzione era entrata in vigore nel 1999 grazie a forti sgravi fiscali introdotti dal governo laburista di Gordon Brown. Nel 2015, però, il ministro conservatore dell’Economia George Osborne, in nome dell’austerity, aveva deciso di scaricare la spesa sul bilancio del servizio pubblico a partire dal 2020.

Bbc aveva dovuto accettare, ottenendo il cambio un piccolo aumento del canone. Ora, conti alla mano, si tira indietro. La decisione è stata presa dai vertici del servizio pubblico dopo una consultazione di 190mila persone: il 52% si è espresso a favore di una riforma o dell’abolizione del canone gratuito.

Il Presidente della Bbc Sir David Clementi ha definito la scelta “la migliore e più giusta”. I pensionati sono non solo i più assidui ma anche i più abbienti fra gli utenti della Bbc, il cui pubblico medio ha più di 62 anni.

L’annuncio ha però provocato la reazione negativa sia dell’opinione pubblica che di molti esponenti politici, fra cui alcuni dei candidati alla successione alla premier dimissionaria Theresa May.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste