Diabolica Tim

Il 5 giugno Vodafone organizza una conferenza stampa in cui l’ad Aldo Bisio annuncia con orgoglio “oggi accendiamo per tutti in cinque città la rete 5G: Milano, Torino, Bologna, Roma e Napoli”. Vodafone è il primo operatore nella corsa al nuovo sistema di trasmissione e vuole sfruttare il vantaggio per conquistare rapidamente fette di mercato, supportata anche da una campagna di pubblicità (Giga Network 5G) su tutti i media.

A Tim, dove il primato di Vodafone brucia ‎, si reagisce con un’ operazione di comunicazione molto furba ed efficace. Utilizzando lo spunto dell’evento della nazionale di calcio impegnata a Torino l’11 giugno contro la Bosnia, Luca Josi, direttore direttore brand strategy, media & multimedia entertainment di Tim, confeziona un messaggio in cui il tifo sportivo si intreccia con la comunicazione tecnologica.
“A Torino si collegano emozioni. Tim scende in campo con gli Azzurri e con il 5G per lo sviluppo del Paese” è il testo che accompagna un’immagine stile cartolina con al centro la Mole Antonelliana, da cui si percepisce che anche Tim è presente con il suo 5G ‎ a Torino. Ma non è vero i lavori sono in corso.

Nella foto la campagna Tim, accanto Luca Josi

Ma questo è solo l’inizio: Tim lancia il progetto Tim 5G Inside Out‎. Un percorso di quattro tappe dedicato alle applicazioni sul 5G per sviluppare idee e progetti in settori chiave dell’innovazione tecnologica. Dopo Torino, il progetto toccherà anche Milano, Napoli e Roma. Esattamente le stesse piazze di Vodafone (tranne Bologna).

Sviluppata da Tim in collaborazione con Talent Garden l’iniziativa ha l’obiettivo “di sensibilizzare il mercato sulle opportunità del 5G in Italia e creare una comunità che operi in settori-chiave dell’innovazione tecnologica: Industria 4.0, mobilità e Smart City, infrastrutture e logistica, intrattenimento e turismo”, spiegano dal gruppo guidato da Luigi Gubitosi.
“La tappa di Torino si è sviluppata attorno al tema della sinergia tra 5G e Industria 4.0 ed ha visto l’attiva partecipazione di Comau. Dopo questo primo incontro, il progetto ‘TIM 5G Inside Out’ sarà a Milano, Napoli e Roma per affrontare altre importanti tematiche legate all’innovazione tecnologica in chiave 5G. Nel corso degli incontri i partecipanti hanno il compito di sviluppare idee e concetti indicati da esperti del settore affiancati da un team di persone anch’esse appassionate di tecnologia: innovatori, startupper, creativi, designer, ecc. Alla fine della giornata vengono messi a punto alcuni concept di prodotti e servizi innovativi basati sulla tecnologia 5G nei diversi ambiti, utilizzando metodologie ispirate al Design Thinking. I risultati di lavoro del gruppo sono presentati ad una giuria di esperti che sceglie il vincitore”.

I vincitori delle quattro tappe accederanno alla fase di selezione finale prevista a dicembre, dove il miglior team si aggiudicherà la possibilità di trascorrere due giorni a Madrid per partecipare al Singularity U Spain Summit.
“Ogni evento di rilancio sarà anticipato da una sessione di Think Tank sull’impatto del 5G su quel campo specifico”, spiegano a Tim . L’incontro prevede un gruppo di discussione moderato dal team di esperti per far emergere idee e concept innovativi abilitati dalla tecnologia 5G e relativi al settore di Industria 4.0.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Martella: rilanciare il settore con una legge 5.0. All’informazione quota da web tax e sostegno pubblico stabile

Editoria, Martella: rilanciare il settore con una legge 5.0. All’informazione quota da web tax e sostegno pubblico stabile

La classifica dell’informazione online, Audiweb agosto 2019. Estate calda per i siti di giornali e agenzie stampa – TABELLA

La classifica dell’informazione online, Audiweb agosto 2019. Estate calda per i siti di giornali e agenzie stampa – TABELLA

Super! è tutto di Viacom Italia. Il gruppo guidato da Castellari acquista il 50% in mano a De Agostini

Super! è tutto di Viacom Italia. Il gruppo guidato da Castellari acquista il 50% in mano a De Agostini