L’Uefa ha la sua tv streaming e gratuita. Con highlights, interviste e materiale d’archivio. Ceferin: vogliamo un calcio più accessibile

Da oggi la Uefa ha la sua piattaforma streaming Ott. L’associazione, che riunisce le 55 Federazioni europee, diventa la prima organizzazione di governo del calcio ad avere un canale web ufficiale (visibile all’indirizzo www.uefa.tv). “Il panorama digitale si sta evolvendo e noi abbiamo la necessità di essere in una posizione che consente di anticipare questi cambiamenti – dice il presidente Uefa, l’avvocato sloveno Aleksander Ceferin – siamo un’organizzazione innovativa e tramite questa piattaforma vogliamo rendere il calcio più accessibile a tutti i tifosi in giro per il mondo”.

Aleksander Ceferin, presidente Uefa (Foto: LaPresse – JOHN THYS / AFP)

Inizialmente Uefa.tv trasmetterà on line programmi e immagini basati su 60 anni di archivio calcistico internazionale. Sarà anche la piattaforma per le dirette delle partite delle competizioni Uefa di calcio giovanile, femminile e calcio a 5. E sarà un supporto alla copertura tv di Champions ed Europa League con interviste e dietro le quinte delle partite più importanti. L’idea è quella di garantire una diffusione televisiva a tutte le competizioni Uefa i cui diritti non sono stati acquistati in un singolo Paese. Per accedere basta una registrazione gratuita.

La Uefa precisa che la sua nuova piattaforma Ott non vuole fare concorrenza ai canali televisivi tradizionali ma piuttosto mira a essere complementare grazie al materiale a disposizione negli archivi di Nyon. E apre il suo canale streaming alle richieste di visibilità delle 55 Federazioni europee. La prima a raccogliere l’appello è stata la Federcalcio tedesca che insieme alla Bundesliga (la Lega organizzatrice del campionato in Germania) è diventata partner di Uefa.tv. Prevista la trasmissione al lunedì delle immagini salienti delle partite del fine settimana e di partite del passato delle squadre tedesche in Champions League.

“La nostra partnership con la Bundesliga è un altro esempio dell’unità del calcio europeo”, dice Ceferin. Parole che vanno al di là di questa collaborazione dopo settimane di polemiche sui nuovi format delle coppe europee dopo il 2024, proposte da Uefa ed Eca. Anche la Lega tedesca si è schierata contro queste idee. Quindi per Ceferin è importante ritrovare spazi di lavoro comune. E forse Uefa.tv non nasce per caso proprio adesso, in concomitanza con una discussione epocale sul futuro del calcio europeo. Uefa.tv potrebbe diventare un utile strumento di diffusione, ad esempio, della terza coppa europea al via nel 2021. Ma anche del calcio delle Federazioni medio-piccole al centro del progetto di riforma.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste