Inpgi, stop al commissariamento, un anno per avviare riequilibrio

Stop al commissariamento dell’Inpgi e un anno di tempo per avviare una riforma dell’istituto previdenziale dei giornalisti al fine di riequilibrare i conti della gestione, che segnano un ‘buco’ di 178 milioni di euro.

E’ quanto prevede un emendamento al dl crescita in esame delle commissioni Bilancio e Finanze della Camera, secondo la riformulazione dei relatori. Il testo è il frutto di un lungo e difficile lavoro di mediazione, a cui hanno partecipato anche i tecnici del ministero del Lavoro, e dovrà passare il voto della commissione prima e dell’aula poi.

L’emendamento prevede che nei 12 mesi dopo la conversione del decreto, l’Inpgi provveda a misure “che intervengano in via prioritaria sul contenimento della spesa e in via subordinata sull’incremento delle entrate contributive” per avviare il riequilibrio dei conti, in modo tale da portare il disavanzo sotto il 7% del patrimonio entro il 2021. Se la situazione non dovesse migliorare, entro i 6 mesi successivi all’anno concesso per il via alla riforma, il governo metterà a punto (adottando “uno o più regolamenti”) passi finalizzati all’ampliamento della platea contributiva. Precedenti proposte salva-Inpgi, a firma del sottosegretario Claudio Durigon della Lega, prevedevano l’allargamento della platea contributiva ai comunicatori.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti