Casagit, bilancio 2018 in attivo per 1 milione e 683 mila euro. E nasce la Fondazione

Nasce la Fondazione Casagit, primo atto del processo di trasformazione della Cassa sanitaria dei giornalisti. Ratificato il bilancio 2018, chiuso con un attivo di 1 milione e 683 mila euro. Questi i due verdetti al termine della seconda giornata dei lavori dell’80°Assemblea nazionale dei delegati, riunita a Bologna dall’11 al 13 giugno.

(Foto Casagit.it)

“L’allargamento è il tema caldo della categoria”, ha dichiarato Daniele Cerrato, presidente Casagit: “abbiamo valori che possono essere interessanti per altri interlocutori, in un momento in cui aumentano le richieste di salute, tutela e lo spazio di intermediazione della spesa privata out of pocket. Questo voto rappresenta quindi un passo storico per Casagit, ma soprattutto segna il passaggio a un assetto più attrattivo, utile per allargare il perimetro d’azione verso altre categorie produttive. È un impegno che abbiamo assunto da tempo e che ora dobbiamo portare avanti tutti insieme”.

Presentato infine il bilancio preventivo 2019, che – ricorda una news sul sito Casagit – al momento si prevede positivo (+560 mila euro). I dati però non tengono ancora conto di alcuni elementi che potrebbero modificare l’esito finale, come l’impatto della nuova convenzione Inpgi-Casagit o il miglioramento delle prestazioni dei profili 2-3-4.

Il commento del presidente dell’Odg Verna: dall’assemblea Casagit un segnale positivo che guarda al futuro della categoria

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste