Generali per il recupero delle Procuratie Vecchie. Il ceo Donnet: portiamo vita a Venezia, lavoro a San Marco

In un periodo così delicato per Venezia, con la questione grandi navi in evidenza, Assicurazioni Generali lancia un segnale positivo annunciando con una conferenza stampa a Ca’ Farsetti, sede del Comune di Venezia l’avvio imminente dei lavori di recupero delle seicentesche Procuratie Vecchie di piazza San Marco secondo il progetto dell’archistar britannica David Chipperfield che ha ottenuto in gennaio il via libera da parte della Soprintendenza archeologica e ora anche quello del Municipio veneziano. Un intervento che si inserisce in un piano ancora più ampio di riqualificazione dell’intera area che comprende fra l’altro la restituzione alla cittadinanza e ai visitatori dei Giardini Reali la cui riapertura è già prevista per il prossimo autunno grazie all’impegno di Venice Gardens Foundation in partnership con le stesse Generali.

Del progetto per questa sua prestigiosa proprietà – 12mila metri quadri lungo tutto il lato Nord di piazza San Marco – Generali aveva già parlato la stampa di mezzo mondo già nell’ottobre 2017 (vedi Prima di quel mese, pagine 94-97). Logico informare periodicamente i media di come stanno andando le cose: si procederà ora al recupero dell’immobile che dopo 500 anni verrà reso fruibile al pubblico per mostre ed eventi grazie anche a un nuovo grande auditorium, ospiterà la sede e le attività di The Human Safety net, fondazione creata da Generali e già attiva in 19 Paesi (vedi il video), ma anche uffici delle stesse Generali, che fino agli anni Ottanta avevano mantenuto proprio qui il proprio quartier generale.

Idea base del progetto è non solo restituire alle Procuratie Vecchie l’antica bellezza e una effettiva funzione sia operativa che d’immagine all’interno del sistema Generali, ma anche trovare un’alternativa al turismo mordi e fuggi e comunque allo sfruttamento solo turistico del cuore di Venezia. “Grazie a questo recupero”, ha detto nel corso della conferenza stampa il ceo di Generali Philippe Donnet, “porteremo vita a Venezia, lavoro a San Marco, senza avere a che fare in modo diretto con il turismo”.

Se l’annuncio di questo passo avanti decisivo nei lavori di ristrutturazione delle Procuratie ha avuto un eco notevolissimo sulla stampa locale ed è stato ampiamente ripreso da quella nazionale, ancora più palese è la soddisfazione delle autorità locali, espressa così dal sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro: “Un bell’esempio di rapporto fra pubblico e privato, realizzato secondo il principio di sussidiarietà. Questa sinergia ha due valenze fondamentali: sviluppa l’occupazione nel cuore della città storica ed è un investimento di alto valore sociale”.

David Chipperfield (Foto ANSA/ANDREA MEROLA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Crisi di Governo, Fnsi: voltare pagina su libertà d’informazione. Da nuovo esecutivo disponibilità al dialogo e al confronto

Crisi di Governo, Fnsi: voltare pagina su libertà d’informazione. Da nuovo esecutivo disponibilità al dialogo e al confronto

Dall’algoritmo alla policy sulle pubblicità. Ecco perchè i conservatori Usa non si fidano più di Facebook

Dall’algoritmo alla policy sulle pubblicità. Ecco perchè i conservatori Usa non si fidano più di Facebook

Più di 4 ore nelle Filippine e solo 45 minuti in Giappone. Quanto tempo si usano i social ogni giorno?

Più di 4 ore nelle Filippine e solo 45 minuti in Giappone. Quanto tempo si usano i social ogni giorno?