Facebook lancia la criptovaluta Libra. Zuckerberg: sicurezza pagamenti anche senza conto in banca

Facebook ha annunciato formalmente il lancio della propria criptovaluta, denominata Libra, promettendo la creazione di un sistema di pagamenti sicuro basato sul blockchain, finanziato da grandi partner e progettato per gli utenti convenzionali. Il social può fare affidamento su una serie di grandi partner aziendali, tra cui società di servizi finanziari come Mastercard, Visa, PayPal Holdings, Uber Technologies e Spotify Technology, che la supporteranno nella creazione di una cripto valuta “modulabile, sicura e affidabile”.

Facebook ha inoltre annunciato la creazione di Calibra, una controllata per la regolamentazione del nuovo asset, per assicurare “la separazione tra i dati social e finanziari”. Calibra gestirà un wallet per la nuova criptovaluta, che potrà essere utilizzato dagli utenti per inviare denaro e per fare acquisti online tramite Libra. Il servizio sarà reso disponibile a partire dal 2020.

Mark Zuckerberg (Foto Ansa – EPA/Alejandro Bolivar)

La rete che supporterà la nuova criptovaluta sarà gestita da Libra Association, organizzazione non a scopo di lucro e indipendente con sede a Ginevra. Oltre ai grandi partner che hanno investito nel progetto, Facebook può contare anche su società di venture-capital e aziende di soluzioni blockchain come Coinbase.
La settimana scorsa il Wall Street Journal aveva riferito che partner di Facebook investiranno circa 10 mln usd ciascuna attraverso un consorzio con il quale gestiranno la valuta.

Con Libra “aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere soldi proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto”, ha affermato in un lungo post su Facebook Mark Zuckerberg, spiegando come il “denaro mobile” aumenta la sicurezza e “questo è particolarmente importante per le persone che non hanno accesso alle banche tradizionali”. “Ci sono circa un miliardo di persone che non hanno un conto in banca ma hanno un cellulare”.

Il progetto è quello di “creare una semplice infrastruttura finanziaria globale che autorizzi miliardi di persone in tutto il mondo” che sarà “alimentata dalla tecnologia blockchain” e il cui lancio è previsto nel 2020.
Nel lungo post Zuckerberg ha assicurato privacy e sicurezza.  “Tutte le informazioni che condividi con Calibra  saranno tenute separate dalle informazioni che condividi su Facebook”. “Calibra avrà un team dedicato di esperti nella gestione dei rischi, incentrato sulla prevenzione delle persone che la utilizzano per scopi fraudolenti”, ha aggiunto ancora.

“Dall’inizio, Calibra ti permetterà di inviare Libra a quasi chiunque con uno smartphone con un costo che sarà o basso o nullo. Nel tempo, speriamo di offrire più servizi per le persone e le imprese – come pagare le bollette pigiando un pulsante, comprare il caffè con la scansione di un codice, o cavalcare il transito pubblico locale senza aver bisogno di portare soldi o un passo metro”.

Zuckerberg ha ricordato i nomi delle società già coinvolte nel progetto auspicando “di avere oltre 100 membri dell’associazione Libra nel momento in cui la rete sarà lanciata il prossimo anno”.

“C’è ancora molto di più da imparare e fare prima che Libra sia lanciata ufficialmente”, ha concluso il fondatore di Facebook definendo il progetto “l’inizio di un viaggio emozionante”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tempo delle Donne, la festa-festival del Corriere della Sera, a Milano dal 13 al 15 settembre

Tempo delle Donne, la festa-festival del Corriere della Sera, a Milano dal 13 al 15 settembre

Il nuovo numero di ‘Prima’ è in edicola da oggi a Milano, disponibile subito anche in edizione digitale

Il nuovo numero di ‘Prima’ è in edicola da oggi a Milano, disponibile subito anche in edizione digitale

Sottosegretari: a Martella la delega all’editoria, a Manzella le tlc – ECCO CHI SONO

Sottosegretari: a Martella la delega all’editoria, a Manzella le tlc – ECCO CHI SONO