Risoluzione Foa, Rai: rispetto per voto Vigilanza; ora valutazioni in Cda

Una presa d’atto del voto in Vigilanza Rai, su cui verranno fatte  “tutte le valutazioni conseguenti nel prossimo consiglio di amministrazione”. E’ la posizione della Rai dopo il via libera dalla bicamerale alla risoluzione M5S sul doppio incarico di Marcello Foa, che lo impegna a lasciare l’incarico di presidente di Rai Com e “in ogni caso il cda a rimuoverlo dal suddetto incarico”.

“La Rai prende atto con rispetto del voto espresso in Commissione di Vigilanza sulla nomina di Marcello Foa alla Presidenza di RaiCom”, si legge nella nota ufficiale di Viale Mazzini.
“I vertici aziendali, convinti della correttezza del proprio operato, continua, effettueranno tutte le valutazioni conseguenti nel prossimo consiglio di amministrazione.

La sede Rai di Viale Mazzini (Foto Ansa -ALESSANDRO DI MEO)

In mattinata, prima ad intervenire da Viale Mazzini è stata la consigliera Rita Borioni. “Quando fu chiesto di votare la nomina in CdA (di Marcello Foa alla presidenza di RaiCom, ndr), alcuni mesi fa, mi opposi con forza, uscendo dall’aula del Consiglio al momento del voto. Non ritenevo opportuno e neanche completamente rispondente a legge e regolamenti quella nomina. Oggi la Vigilanza è intervenuta a confermare quella convinzione. Mi auguro che l’azienda agisca rapidamente adeguandosi all’invito della Commissione, tributando così al Parlamento il rispetto che gli è dovuto”, ha spiegato.

I consiglieri Rai, Rita Borioni e Riccardo laganà

“Il presidente della Rai Marcello Foa rispetti il Parlamento, inutile attaccarsi alla poltrona”, il commento del consigliere Riccardo Laganà. “Quando mesi fa evidenziai in Consiglio il tema del doppio incarico del presidente Foa, non avrei mai immaginato che si sarebbe arrivati fino a questo punto. Ero fiducioso che il presidente Foa assumesse fin da subito un atteggiamento saggio e giusto, dimostrando nei fatti il suo ruolo e la sua funzione di garanzia. La storia, purtroppo, è andata diversamente”.
“L’ostinazione e l’inspiegabile attaccamento ad una singola poltrona – ha proseguito -, portano oggi il Parlamento ad intervenire, con una risoluzione della commissione di Vigilanza Rai molto chiara, che impegna non solo lo stesso presidente ma anche l’amministratore delegato e tutti i membri del Consiglio di amministrazione a darne subito seguito. A tutela dell’azienda, dell’immagine del servizio pubblico, dei suoi dipendenti che rappresento in CdA e dei cittadini contribuenti, invito quindi il presidente Foa a riflettere sulle indicazioni ricevute e a rispettare la volontà del Parlamento, senza trincerarsi dietro altre carte e pareri legali”.

Dimissioni di Marcello Foa “in giornata” è stata la richiesta dell’UsigRai. “Dopo il voto a larga maggioranza in Vigilanza, il presidente della Rai ha il dovere di uniformarsi al parere di incompatibilità rispetto alla presidenza di RaiCom”, ha scritto il sindacato dei giornalisti del servizio pubblico, secondo cui “il pronunciamento di oggi è il risultato anche di chi – come il consigliere eletto dai dipendenti Riccardo Laganà, insieme alla Consigliera Rita Borioni – ha da subito denunciato l’incompatibilità”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, via libera di Salini ai vicedirettori di RaiUno – ECCO LE NOMINE

Rai, via libera di Salini ai vicedirettori di RaiUno – ECCO LE NOMINE

Rai, ecco i project leader previsti dal piano Salini di trasformazione in media company digitale  – I NOMI

Rai, ecco i project leader previsti dal piano Salini di trasformazione in media company digitale – I NOMI

Cardani (Agcom): responsabilità politica su fake news. Servono riflessione competente e confronto continuo

Cardani (Agcom): responsabilità politica su fake news. Servono riflessione competente e confronto continuo