Nuove tecnologie per rendere l’arte inclusiva. Fondazione Tim lancia il bando ‘L’arte che accoglie’

Includere e diffondere l’arte grazie alla tecnologia, per renderla accessibile a tutti. E’ l’obiettivo del bando ‘L’arte che accoglie: inclusione nei musei attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative’ lanciato da Fondazione Tim per consentire un abbattimento significativo degli ostacoli percettivi e sensoriali e psico-cognitivi.

Il bando, spiega una nota stampa, vuole valorizzare ulteriormente il patrimonio artistico e di massimizzare la fruizione nei musei coinvolgendo le persone con difficoltà percettive e sensoriali, in specifico a quelle con disabilità congiunta della vista e dell’udito accompagnata da ritardo mentale o deficit motori.

Destinato a soggetti pubblici e privati, senza finalità di lucro, il bando è indirizzato a stimolare progetti, in logica open source, che utilizzino tecnologie innovative, che vanno dagli algoritmi di intelligenza artificiale, alla stampa 3D, passando per il vocal search/sistemi vocali, la realtà aumentata e percorsi multisensoriali tattili.

La piattaforma ufficiale di Fondazione TIM, sulla quale è possibile inviare la candidatura al bando sopracitato entro il 3 settembre, è il risultato di un progetto assegnato dalla stessa Fondazione TIM nell’ambito della gara Sito Fondazione TIM del marzo 2018 allo studio Cappelli Identity Design, che ne ha curato tutti i singoli aspetti, dall’albero strutturale alla user experience, passando per i contenuti e il layout grafico, fino ad arrivare alla programmazione e all’assistenza alla pubblicazione sui server TIM. Creatività e social sono, invece, a cura dell’agenzia Xister.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoriale Domus lancia il trimestrale Meridiani Cammini

Editoriale Domus lancia il trimestrale Meridiani Cammini

Generali sceglie Dentsu Aegis Network e The Big Now

Generali sceglie Dentsu Aegis Network e The Big Now

Upa con Neodata Lab per il master in Data Science, in collaborazione con Omnicom Media Group, GFK e Google

Upa con Neodata Lab per il master in Data Science, in collaborazione con Omnicom Media Group, GFK e Google