Facebook, la coo Sandberg ammette: impreparati a interferenze elezioni nel 2016. Su privacy servono nuove regole

Condividi

Facebook riconosce il fallimento della compagnia nel prevedere le interferenze straniere nelle elezioni presidenziali del 2016. L’ammissione arriva da Sheryl Sandberg, cco del social, in occasione del Fastival of Creativity di Cannes.
La manager ha spiegato che Facebook era pronta per combattere attacchi di hacker in concomitanza alle elezioni, ma non ad affrontare la diffusione di informazioni false partite dalla Russia e da altri Paesi. “Ci è sfuggito”, ha commentato riferendosi a questo tipo di rischio. “È sfuggito a tutti”.

Da allora, ha precisato Sandberg, Facebook si è impegnata nella lotta contro la circolazione di informazioni errate, moltiplicando l’impegno con i governi per prevenire le interferenze in occasione di elezioni e ha lanciato un programma con una partner per ridurre la diffusione di notizie false.

Sheryl Sandberg (Foto Ansa – EPA/LAURENT GILLIERON)

Nel suo intervento anche un riferimento ai problemi di privacy affrontati dal social, per i quali Sandberg è stata anche coinvolta personalmente. “E’ stato difficile”, ha detto. “C’è stata una crescente comprensione di quanto sia importante la privacy e di come dobbiamo proteggerla”, ha detto, sostenendo che alcune delle prime iterazioni di Facebook permettevano di condividere troppi dati.
Errori che si sono verificati con qualsiasi nuova tecnologia, ha rimarcato, dalla stampa alla radio o alla TV.
Inizialmente la gente celebra la novità “quasi escludendo qualsiasi aspetto negativo”. “Poi succede qualcosa di brutto, e le persone vedono che il male può accadere e si concentrano su quello”. “E’ qui che vengono scritte nuove regole “, ha chiosato. “Nuove regole devono essere scritte per Internet e vogliamo farne parte”.  “Stiamo davvero cercando di dare inizio a una nuova era e stiamo collaborando strettamente con i governi per scrivere le regole giuste”, ha aggiunto.

Per il futuro intanto la coo ha precisato che Facebook non ha in programma grandi acquisizioni al momento.