19 giugno Gli Azzurrini perdono con la Polonia ma battono la D’Urso

Con l’estate climatica oramai in avvio e quella della tv in corso oramai da un pezzo, una sconfitta di misura e sfortunata degli Azzurrini contro l’umile Polonia ha rattristato la platea davanti agli schermi mercoledì 19 giugno e si riempie così di difficoltà inattese il cammino della Nazionale italiana Under 21, che gioca in casa la fase finale del torneo europeo. Sembra, invece, almeno per adesso conoscere una pausa il tormentone su Pamela Prati e Mark Caltagirone, dopo che ieri è andata in onda l’ultima puntata del talk gossipparo di Canale5 che ha tratto profitti, in termini di audience, da questa fumosa costruzione mediatica. Tra le ammiraglie, comunque, ha vinto facile quella pubblica.

Su Rai1 il match ‘Italia-Polonia Under 21’, arriso ai polacchi per uno a zero, ha ottenuto 6 milioni di spettatori e il 27,35%. Vale la pena registrare che la sera prima, contro il Brasile, la nostra Nazionale femminile aveva portato a casa – sulla sola Rai1 – 6,5 milioni di spettatori con il 29,32% di share.

Su Canale 5 ‘Live – Non è la D’Urso’ ha ottenuto ha 2,6 milioni di spettatori e il 18,3% di share, in calo di un solo punto rispetto alla settimana precedente.

Sul terzo gradino del podio si è accomodata senza brillare particolarmente Federica Sciarelli. ‘Chi l’ha visto?’ è calato di circa 60 mila spettatori e 4 decimali di share arrivando a 1,692 milioni e l’8,99%.

Sciarelli, in pratica, ha messo in fila i tre film in griglia: su Rai2 ‘Qualcosa di speciale’ a 1,3 milioni e il 6,1%, su Italia1 ‘Tutti pazzi per l’oro’ a 1 milioni e 4% e su Rete4 il cult e lunghissimo ‘Forrest Gump’ a 947mila spettatori e 5,3%. In coda si è collocata la puntata di ‘Atlantide Files’ dedicata da Andrea Purgatori alla bomba atomica.

In seconda serata, una volta finito il match di Rai1, è stato immediatamente netto il vantaggio della D’Urso su tutte le altre reti. Dopo avere aperto con Eliana Michelazzo, dedicato a Pamela Perricciolo (altra press agent della Prati) un’altra lunga fase della trasmissione, D’Urso ha virato sulle vicende di Morgan, che deve salvare la casa di Monza e così non si dispiace troppo di mettere i suoi problemi on air. Il ‘Live’ di Canale 5 in questa fascia è prevalso prima sul finale di ‘Chi l’ha visto?’ e quindi su quello di ‘Forrest Gump’. Solo una volta concluso il film di Rete 4, Bruno Vespa con ‘Porta a Porta’ si è installato al secondo posto, ma rimanendo a distanza siderale da Barbara D’Urso. Continua ad andare male – su Rai2 – ‘Realiti’, con la creditrice di Morgan, Asia Argento, nel cast del programma di Enrico Lucci, che ieri non ha fatto sussulti positivi neanche con l’intervista strappata al dimissionario Francesco Totti.

In access non sono cambiati gli equilibri tra i talk, anche se a ‘Stasera Italia’ non c’è più Barbara Palombelli alla conduzione, in fase di riposo estivo.

Su La7 ‘Otto e mezzo’, con Lilli Gruber alla conduzione e tra gli ospiti Alessandro Di Battista e Alessandro De Angelis, ha riscosso 1,4 milioni di spettatori e 6,85% di share.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia Estate’, con Giuseppe Brindisi e Veronica Gentili alla conduzione e tra gli ospiti Marco Rizzo, Mario Giordano, Alessandra Mussolini e Matteo Ricci, ha avuto 850mila spettatori e il 4,4% di share nella prima parte e quindi 922mila spettatori e il 4,2% di share nella seconda parte.

Su Rai Due, infine, ‘Tg2 Post’ con Francesca Romana Elisei alla conduzione e Fausto Carioti, Peter Gomez e Giovanni Toti tra gli ospiti, si è fermato a 832mila spettatori e il 3,9%.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, via libera di Salini ai vicedirettori di RaiUno – ECCO LE NOMINE

Rai, via libera di Salini ai vicedirettori di RaiUno – ECCO LE NOMINE

Rai, ecco i project leader previsti dal piano Salini di trasformazione in media company digitale  – I NOMI

Rai, ecco i project leader previsti dal piano Salini di trasformazione in media company digitale – I NOMI

Cardani (Agcom): responsabilità politica su fake news. Servono riflessione competente e confronto continuo

Cardani (Agcom): responsabilità politica su fake news. Servono riflessione competente e confronto continuo