Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

“I 3 milioni di euro concessi a Radio Radicale grazie all’emendamento al dl crescita che vanno ad aggiungersi ai 4 milioni previsti come Dipartimento editoria, peseranno sul riparto del fondo per il pluralismo. Lo dico per chiarezza e correttezza, perchè quando usciranno a breve i dpcm con la ripartizione, quei 3 milioni dovranno venir fuori da qualche parte”. Lo ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’Editoria, Vito Crimi, a conclusione dell’odierno appuntamento degli Stati generali, dedicato all’incontro con gli editori.

Vito Crimi (Foto
ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

“Dai 110 milioni di euro complessivi stanziati, fatte salve quelle voci vincolate per legge per stampa estera, cooperative, giornalisti e così via, i 3 milioni peseranno sul riparto, previsto per tutte le testate di quotidiani e periodici che accedono al fondo. Non ce se ne deve stupire”.

L’emendamento al decreto crescita per Radio Radicale è stato presentato in commissione Bilancio e Finanze della Camera dal Pd ed è stato approvato anche grazie al sostegno dalla Lega, contrario invece il Movimento 5 Stelle.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Di Nicola (M5S): fondamentale una legge di riforma della Rai

Di Nicola (M5S): fondamentale una legge di riforma della Rai

Mise: chi si insedierà negli uffici di Largo Brazzà? Apertissima la partita per la delega alle tlc

Mise: chi si insedierà negli uffici di Largo Brazzà? Apertissima la partita per la delega alle tlc

Giletti: in Rai se devi spostare un tavolino,  devi mandare cinque mail; La7 ha una struttura agile

Giletti: in Rai se devi spostare un tavolino, devi mandare cinque mail; La7 ha una struttura agile