20 giugno La finale di All Together Now batte Don Matteo11. Formigli vince anche da Gruber

Un po’ di calcio, tanta musica e bel canto, la replica della fiction di culto con Terence Hill e una dose più che omeopatica d’informazione in un giovedì 20 giugno televisivamente ancora ricco di proposte fresche.

Ha vinto la serata la finale di ‘All Together Now’ su Canale5, con Michele Hunziker e J-Ax alla conduzione e tanti ospiti in visita, ottenendo 2,7 milioni di spettatori ed il 19,1% di share, in crescita di quasi tre punti rispetto alla semifinale eleggendo campione Gregorio Rega.

Sul secondo gradino del podio si è collocata una replica di ‘Don Matteo11’ su Rai1, stabile a 2,4 milioni e 13,5% nella media dei due episodi. Sul terzo gradino per ascolti è arrivata la pellicola della terza rete, ‘Chef-La ricetta perfetta’, con Jon Favreau, Sofia Vergara, Dustin Hoffman e Scarlett Johansson nel cast, capace di raccogliere 1,255 milioni di spettatori con il 6,5%.

Appena dietro è arrivato l’appuntamento speciale con ‘Piazzapulita-Prima Io’ su La7. Proponendo alcune delle più toste inchieste del programma e terminando alle 23.10, Corrado Formigli ha ottenuto ben 1,135 milioni di spettatori con il 5,85% di share, portando a casa un bel riconoscimento per la sua fabbrica redazionale.

Formigli ha fatto meglio della partita tra nazionali straniere agli Europei di calcio Under 21 su Rai2 (‘Germania-Serbia’, terminata con la goleada tedesca per sei a uno, ha avuto 1,082 milioni e 5,51%) e del film su Italia 1 (‘Autobahn-Fuori controllo’, a 996mila spettatori e 5,11%). Molto staccato per ascolti, ultimo, ma portando a casa una buona prestazione complessiva, si è classificata Rete 4 con Paolo De Debbio.

‘Dritto e rovescio’, ha proposto il comico Giovanni Vernia in apertura e poi, in sequenza, nella prima parte politica, Giorgia Meloni e Giovanni Toti. Il programma è tornato ‘pop’ poi con Luciano Casamonica on air e poi, soprattutto con la parte finale ‘religiosa’, che aveva fatto bene agli ascolti anche la settimana prima. Convocando i volti di rete sul genere Paolo Brosio e Safiria Leccese, ma anche il terribile Don Patrizio e l’astuto Giuseppe Cruciani, mescolando al tutto anche Carmen Russo, il programma ha ottenuto complessivamente 848mila spettatori e il 5,76% di share, ma correndo vicino a Bruno Vespa in nottata.

Nella fase più avanzata della serata ha vinto facile e si è espressa al massimo la trasmissione canterina di Canale 5, che ha superato il 30% incoronando il vincitore, mentre è sempre rimasto sotto il 10% di share ‘Porta a Porta’, che ospitava il tenore Vittorio Grigolo.

Del Debbio, con la tenzone e la tensione su Medijugorie tra Brosio e Don Patrizio, è salito fino all’8%, mentre ha fatto fatica a raggiungere il 2% su Rai2, il ‘Sinatra del Rap’, Guè Pequeno.

 

In access questi gli equilibri tra i talk, con Francesca Romane Elisei e Tg2 Post in pausa e Barbara Paolmbelli a riposo.

Su La7 ‘Otto e mezzo’, con Marco Travaglio, Corrado Formigli e Sebastiano Barisone ospiti di Lilli Gruber, ha conseguito 1,595 milioni e l’8,26% di share.

Su Rete 4 Stasera Italia Estate, con Alessandro Sallusti, Klaus Davi, Luisella Costamagna e Silvia Sardone ospiti di Giuseppe Brindisi e Veronica Gentili, ha conquistato 893mila spettatori e il 4,85% di share nella prima parte e poi 992mila spettatori e il 5,1% nella seconda parte.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Aie, 2018 positivo per il mercato dei libri: +2% nel fatturato. Cresce del 9% la vendita di diritti all’estero

Aie, 2018 positivo per il mercato dei libri: +2% nel fatturato. Cresce del 9% la vendita di diritti all’estero

Stati generali Transizione energetica: opportunità di crescita anche per l’Italia. Patuanelli propone ‘patto verde’ con imprese

Stati generali Transizione energetica: opportunità di crescita anche per l’Italia. Patuanelli propone ‘patto verde’ con imprese

Addio a Paolo Bonaiuti. Fnsi: attento a pluralismo e ragioni lavoro

Addio a Paolo Bonaiuti. Fnsi: attento a pluralismo e ragioni lavoro