Cannes 2019: tra i film vince Droga5 per NYT. Publicis fa tredici con Heineken

“The Truth Is Worth It” è il copy della campagna vincente. Se c’è pure un tema ‘ideologico’, se a questi appuntamenti globali c’è davvero l’idea di lanciare messaggi ispiranti, politici ma anche industriali, questa edizione del Festival della Creatività di Cannes si chiude con un esito – quello nella categoria Film – che esplicita chiaramente la linea editoriale della rassegna sulla Croisette. Ha vinto la bella campagna di Droga5 – appena entrata in orbita Accenture Interactive – per il New York Times, con i cinque soggetti da sessanta secondi (“Rigor”, https://www.youtube.com/watch?time_continue=12&v=XWb_SDtiT3E ; “Perseverance”, https://www.youtube.com/watch?time_continue=1&v=18CGnEpeRfI; “Courage”, https://www.youtube.com/watch?time_continue=6&v=ghgI3A6RNBg ; “Resolve”, https://www.youtube.com/watch?time_continue=119&v=PZJdKuTRN5E ; “Fearlessness”, https://www.youtube.com/watch?time_continue=131&v=8goJKQ_864c ) che invitano metaforicamente tutti (anche gli utenti, quindi, oltre ai lettori, se non si vuole trasformare lo spot in un coccodrillo-epitaffio) a tenere la schiena dritta e sostenere chi frequenta tutti quei valori (coraggio, rigore, perseveranza, audacia, capacità di giudizio conquistata verificando sul campo) che sono il sale del giornalismo di qualità ed un elemento chiave della democrazia.

Dalla categoria Film, dopo i dodici delle giornate precedenti, è arrivato anche il tredicesimo leone italiano, assegnato ad Heineken e allo spot ‘Unmissable’ ( https://www.youtube.com/watch?v=ilZ_U1AICJk) di Publicis Italia, con l’agenzia guidata da Bruno Bertelli (ceo di Publicis Italy e chief creative officer di Publicis Groupe Worldwide) e Cristiana Boccassini (coo Publicis Italy) che così aggiunge un altro premio ai dieci già incassati con tre campagne diverse e in categorie diverse per Diesel, a quelli per ottenuti per Leroy Merlin e Coca Cola.

Il bilancio finale della compagine azzurra sulla Croisette, così – composto da 1 oro, sei argenti e 4 bronzi conquistati per quattro clienti – è decisamente più magro di quell’anno passato, quando i Leoni erano stati 21, con tre ori, sei argenti e 12 bronzi). Ma a vincere stavolta è stata solo Publicis e non si possono pretendere miracoli. Nemmeno da Bertelli.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti