Cinque Stelle riaccendono la polemica su Radio Radicale: che senso hanno 330 milioni pubblici a un’emittente privata?

“Trecentotrenta. Sono i milioni che lo Stato ha erogato in favore di Radio Radicale. A tal proposito è bene fare chiarezza. Il Movimento 5 Stelle non ha nulla contro questa radio privata, ma esistono dei principi fondamentali ai quali non si può derogare”. Così un post del Movimento 5 Stelle pubblicato sul blog ufficiale. Negli anni si è fatto un uso distorto del finanziamento pubblico ai partiti e all’editoria, che ha inquinato la politica e l’informazione. A chiunque dovrebbe sorgere una domanda circa la sensatezza dei contributi pubblici erogati ad una radio privata di partito che opera nelle condizioni appena descritte. Né si comprende per quale motivo il servizio pubblico della Rai debba essere affiancato da quello di Radio Radicale. A riguardo della diffusione delle sedute parlamentari, si ricorda l’esistenza di un canale della Rai come GR Parlamento. La risposta a queste e ad altre domande probabilmente risiede nei lauti stipendi elargiti a Radio Radicale. Con buona pace dei soldi dei contribuenti e di tutte le altre radio private che ogni giorno si spaccano la schiena per andare avanti”.

Il post, ricco di numeri e informazioni societarie, fa un paragone tra costi e ricavi dell’emittente radicale con la media del mercato in generale e Radio Kiss Kiss in particolare.

Leggi lo speciale di Primaonline: Fatti, news e commenti sulla battaglia di Radio Radicale contro il taglio ai finanziamenti pubblici

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, Salini: condivido la contrarietà per i toni dell’intervista di Vespa, faremo chiarezza

Rai, Salini: condivido la contrarietà per i toni dell’intervista di Vespa, faremo chiarezza

Sky Italia, Carlo Mariotta torna come director of sport rights acquisition, properties management and partner relations

Sky Italia, Carlo Mariotta torna come director of sport rights acquisition, properties management and partner relations

Rai: Francesca Flati nuovo capogruppo M5S in Vigilanza dopo Paragone. Foa? “Possibile che la nostra valutazione sia cambiata”

Rai: Francesca Flati nuovo capogruppo M5S in Vigilanza dopo Paragone. Foa? “Possibile che la nostra valutazione sia cambiata”