Rai, il giudice non si pronuncia su diritti Champions. Viale Mazzini: ricorreremo

Nessuna pronuncia sulla titolarità dei diritti della Champions League da parte del tribunale di Milano. Lo rende noto la Rai, che a maggio aveva presentato ricorso, ex articolo 700, perché le venisse riconosciuto il diritto a esercitare le opzioni previste dal contratto con Sky per la trasmissione delle partite in chiaro della massima competizione per club per l’edizione 2019-2020 e 2020-2021.

Il trofeo della Champions League (Foto Ansa – EPA/SALVATORE DI NOLFI)

“In merito al ricorso presentato dalla Rai – si legge in una nota di Viale Mazzini – il tribunale di Milano non ha affrontato il merito della questione, limitandosi a rilevare la mancanza dei requisiti per una pronuncia d’urgenza”.
“La Rai, si legge ancora, ricorrerà per vedere riconosciute le proprie ragioni e assicurare al proprio pubblico la visione delle partite di Champions League per le prossime due stagioni”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Champions in chiaro su Mediaset per il prossimo biennio, tribunale respinge il ricorso Rai

Champions in chiaro su Mediaset per il prossimo biennio, tribunale respinge il ricorso Rai

Rai, l’ad Salini scrive a direttori tg e reti: “Equilibrio e imparzialità”

Rai, l’ad Salini scrive a direttori tg e reti: “Equilibrio e imparzialità”

Ok alla fusione fra Viacom e Cbs: nasce ViacomCbs, big dei media da 28 miliardi

Ok alla fusione fra Viacom e Cbs: nasce ViacomCbs, big dei media da 28 miliardi