Editoria, Aie: il governo inserisce sgravi per sexy shop, ma non su libri. Con nuova legge colpiti mercato e consumatori

“Non è possibile che il governo abbia messo 400 milioni per il cinema, sacrosanti per carità, e zero per il libro. Addirittura sono stati inseriti nel decreto crescita gli sgravi fiscali per i sexy shop. Possiamo detrarre dalle spese la palestra e molte altre cose, ma non il libro. Sono queste le priorità del Paese?”. A dirlo il presidente dell’Aie Ricardo Franco Levi.

Ricardo Franco Levi (Foto ANSA/ ROBERTO RITONDALE)

Intervenuto a Matera al convegno ‘Ieri, oggi e domani. Presente e futuro del libro in Italia tra rivoluzione tecnologica e nuovi linguaggi della comunicazione’ organizzato da Rai Libri, il presidente dell’associazione degli editori è tornato a parlare della proposta di legge per il libro, che dovrebbe approdare alla Camera nelle prossime settimane. “Colpirà le famiglie e il mercato senza che ci sia un intervento di sostegno alla lettura”, ha spiegato. “Sono stati messi in campo 3 milioni e mezzo per le piccole librerie ed è giusto, ma non si può immaginare che penalizzando le famiglie all’acquisto di libri poi non ci saranno conseguenze”.

“Noi faremo di tutto perché la legge venga corretta, ma se sarà approvata il risultato sarà quello di un mercato più piccolo” ha concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Settore smartphone in ripresa, ma Huawei non è più tra big. Aumento del 24% delle consegne su base annua

Settore smartphone in ripresa, ma Huawei non è più tra big. Aumento del 24% delle consegne su base annua

Bozza dl Covid: dal 26 aprile in zona gialla spettacoli aperti al pubblico in teatri, sale da concerto, cinema. Ok ristoranti all’aperto

Bozza dl Covid: dal 26 aprile in zona gialla spettacoli aperti al pubblico in teatri, sale da concerto, cinema. Ok ristoranti all’aperto

Hate speech, nuovo filtro Instagram per bloccare i messaggi Direct inappropriati

Hate speech, nuovo filtro Instagram per bloccare i messaggi Direct inappropriati