Restyling per Lastampa.it. Dopo sette anni addio alle colonne verticali

Dopo sette anni il sito della Stampa (www.lastampa.it) si presenta al pubblico profondamente rinnovato con una nuova grafica e un nuovo piano editoriale.

Il principio cardine che ha guidato questo nuovo progetto, spiega Gedi, è la “Trasparenza”. Chi legge potrà intervenire all’istante, con pareri e opinioni. Chi scrive potrà così tener conto dell’interazione, correggendo, integrando, commentando. Il tutto in uno scambio virtuoso di idee e conoscenze.

In funzione della trasparenza verrà anche raccontato, in nuove rubriche, il lavoro delle redazioni, come nasce e si costruisce una notizia, come se ci si trovasse in un ristorante con la cucina a vista.

Infine, nel nuovo sito scompaiono le colonne verticali, per un lay-out più flessibile e dinamico, pensato per migliorare l’esperienza e la fruizione mobile. La navigazione sarà più intuitiva, il menù semplificato, con un accesso diretto agli speciali dedicati ai temi principali del momento.

Maurizio Molinari, direttore de La Stampa, ha così commentato la riforma: “La nuova veste grafica del sito de La Stampa nasce dal lavoro duro di una moltitudine di redattori e tecnici accomunati dalla volontà di rendere il nostro giornale più trasparente, di facilitare la conversazione fra lettori e giornalisti, e di sfruttare le nuova tecnologie per estendere i confini della nostra comunità intellettuale”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

‘Romolo + Giuly’,  l’irriverente serie comedy torna dal 16 su Fox – GUARDA I TRAILER

‘Romolo + Giuly’, l’irriverente serie comedy torna dal 16 su Fox – GUARDA I TRAILER

Claudia Parzani unica italiana nella classifica internazionale pubblicata oggi da HERoes e Yahoo Finance

Claudia Parzani unica italiana nella classifica internazionale pubblicata oggi da HERoes e Yahoo Finance

18 settembre appuntamento a Milano con il nuovo libro di Piero Ichino

18 settembre appuntamento a Milano con il nuovo libro di Piero Ichino